mercoledì 12 giugno 2013

Un gioiellino


A volte si interrompe la lettura di un libro con la sensazione di aver buttato via i propri soldi. E a volte la si conclude con la certezza di aver speso troppo poco perché le emozioni, come ricordava la pubblicità di una carta di credito, non hanno prezzo. La seconda esperienza è più rara della prima, dunque va celebrata. Tutto questo per dire che ho avuto la fortuna di scoprire un gioiellino, avviato - salvo sorprese - ad aggiudicarsi il concorso strettamente personale di lettura del 2013 con lo stesso, netto, vantaggio, di "The Help" (Kathryn Stockett) nel 2012.
The Guernsey Literary and Potato Peel Pie Society, ovvero Il Club della Letteratura di Guernsey nella sintetizzata versione italiana del titolo, è un romanzo epistolare ambientato nel 1946 tra Londra e Guernsey, che insieme alle altre isole della Manica fu l'unico territorio britannico occupato dalla Germania durante la Seconda Guerra Mondiale. La protagonista è Juliet, giovane scrittrice inglese alla ricerca di un soggetto per il suo prossimo progetto. Un giorno le arriva la lettera di un residente di Guernsey che ha scoperto il suo nome in un libro acquistato di seconda mano. Di qui prende avvio un fitto scambio di corrispondenza che coinvolge un numero crescente di abitanti dell'isola, tutti membri del Club di lettura che dà il titolo al romanzo. Juliet è così colpita dalle vicende, dal calore e, perché no, dalle stranezze degli isolani che decide di andarli a trovare per conoscerli di persona. Arrivata a Guernsey, vi trova un'orfana bisognosa d'affetto, l'argomento che cercava, una vita diversa e più vera di quella che conosceva e - inevitabilmente - l'amore.
Al di là della vicenda, ben congegnata e plausibile, a colpire sono lo stile che alterna il tono leggero con quello grave, il comico con il tragico, e la cura del dettaglio tipica della narrativa anglosassone migliore. Se i personaggi appaiono vivi, reali è anche perché l'autrice li colloca su uno sfondo ricostruito con la precisione di un documentarista.
Per chi non la conoscesse, merita due parole anche l'autrice, scomparsa prima di godersi il meritato successo. Mary Ann Shaffer era una bibliofila americana che, proprio come la sua protagonista, ha scoperto Guernsey per caso e solo molti anni più tardi, incoraggiata dalle amiche del suo club di lettura, si è cimentata nella creazione del romanzo. Il suo sogno: "scrivere un libro che piacesse abbastanza per convincere qualcuno a pubblicarlo". C'è riuscita anche con l'aiuto di Annie Barrows, sua nipote, che quando la salute della zia si è deteriorata, ha portato a termine l'opera e l'ha co-firmata.

Nessun commento:

Posta un commento