domenica 26 aprile 2015

25 aprile


I 70 anni dalla Liberazione d'Italia sono stati celebrati con il solito torrente di luoghi comuni e beghe da cortile politico locale. Copione deprimente che ha il solo merito di rappresentare un'immagine fedele del Paese e l'importante demerito di escludere due ingredienti della festa: il rispetto per la verità storica e la gratitudine.
A sentire i bollettini ufficiali delle cerimonie, l'Italia si è liberata quasi da sola, grazie alla Resistenza. Quanto al sacrificio di decine di migliaia di giovani venuti da lontano - Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia, Canada, Nuova Zelanda, Polonia,... - , è raro sentirlo celebrato nei discorsi. Ancora più raro è vedere sul palco i rappresentanti di quei Paesi.
Altrove non è così. Quando tornerò in Normandia per l'anniversario del D-Day, all'inizio di giugno, ritroverò i veterani delle forze alleate - sempre meno numerosi, a causa dell'età - celebrati come meritano dalle autorità e veri protagonisti della festa. Coccolati come Nonni della Libertà, adorati come semidei da coloro che furono liberati, dai loro figli e nipoti. Senza per questo dimenticare il contributo della Resistenza, perché l'ammirazione per gli uni non esclude l'orgoglio per le imprese degli altri, i connazionali che avevano saputo resistere alla tentazione dell'indifferenza o della collaborazione.
Due Paesi vicini, due modi diversi di ricordare il passato. Io preferisco la via francese. E trovo più interessanti i racconti di un protagonista ultranovantenne di quelle vicende che i discorsi di un Renzi o di una Boldrini.

 Sopra, veterani britannici a Merville (Normandia): protagonisti delle celebrazioni del D-Day.

 

Nessun commento:

Posta un commento