mercoledì 31 gennaio 2018

Il meglio di gennaio

Uno sguardo alternativo sulla cronaca del mese

22.1.2018
CAMBIAMENTO CLIMATICO
È strano che tra le promesse elettorali ideate dai partiti italiani per guadagnare voti non ci sia la più semplice da mantenere: mai più pioggia nel week-end.


21.1.2018
BREXIT
Dopo aver assistito alla celebrazione di Winston Churchill nel film "L'ora più buia", la premier Theresa May avrebbe confidato la propria amarezza ai collaboratori: "Non è giusto. Anch'io sto aiutando questo Paese a sbarazzarsi dei tedeschi, ma a me non mi considera nessuno".


14.1.2018
CRITICHE INFONDATE
Dissento fermamente dalle accuse d'incompetenza mosse agli esponenti del Movimento Cinque Stelle. A me le cravatte di Di Maio piacciono, e anche la pettinatura della Appendino.


13.1.2018
PRIMI DELLA CLASSE
Ci hanno messo quattro mesi per creare un governo-fotocopia del precedente, dopo aver giurato che non se ne parlava nemmeno. Quando i tedeschi impareranno a cuocere la pasta al dente, l'Italia non avrà più nulla da insegnargli.


12.1.2018
C'È POSTA PER TE
Secondo indiscrezioni, la svolta annunciata dall'invio di una delegazione nordcoreana alle Olimpiadi nella Corea del Sud non è di natura diplomatica ma ambientale. Sensibile al rischio d'inquinamento creato dal lancio dei suoi missili, Kim starebbe optando per la consegna a mano.


8.1.2018
EMERGENZA CAPITALE
Assume dimensioni allarmanti il fenomeno dei reperti storici trafugati da turisti stranieri che vogliono portarsi a casa un ricordo del viaggio a Roma. A un cittadino cinese in partenza da Fiumicino sarebbe stato sequestrato un sacco di rifiuti del 1979.

6.1.2018
XXL
Pare che il libro di Michael Wolff su Donald Trump sia una delusione. Non chiarisce nemmeno se il presidente USA ce l'ha davvero più grosso* di Kim.
*Il pulsante nucleare


5.1.2018
NOTIZIE UTILI
Lo smartphone ha appena suonato per informarmi che domani è l'Epifania. Questo conferma che l'intelligenza artificiale è sempre più vicina a quella umana. Ha già imparato a parlare anche quando non ha niente da dire. 

4.1.2018
I NUMERI NON MENTONO
Le istituzioni comunitarie impartiscono una dura lezione agli euroscettici che non perdono occasione per denigrarle. Eurostat, ufficio statistico con sede in Lussemburgo e budget vicino ai 200 milioni, ha pubblicato informazioni preziose e documentate sul rapporto tra i cittadini europei e il rumore. Dallo studio risulta che la proporzione di chi lamenta disturbi sonori è doppia per chi vive in città rispetto a chi sta in campagna. Una rivelazione di portata storica. Alla quale potrebbe seguirne un'altra se la prossima ricerca saprà corroborare l'audace tesi avanzata da alcuni economisti. Sarà vero, cifre alla mano, che chi guadagna 20.000 euro al mese ha una maggiore propensione al consumo di chi ne guadagna 1.200?

Nessun commento:

Posta un commento