venerdì 26 luglio 2013

D-Day Paratroopers

Veterans at Merville, 5 June 2013
“What manner of men are these that wear the maroon beret? ... They have jumped from the air and by doing so have conquered fear ... They are in fact - men apart - every man an emperor."
Bernard Montgomery




domenica 21 luglio 2013

L'orologio con le ali

... Lo girai e vidi le incisioni. Chi le aveva fatte era bravo come aveva detto il padrone della gioielleria. L’emblema del Reggimento, in basso, era perfetto; il nome di Jane, appena sopra, sembrava scritto a mano con una penna...
L'orologio con le ali: il Blog.


...  I turned it over and saw the engravings. Whoever had done the work was as skilful as the jeweller had promised. The regimental emblem at the bottom was perfect. Jane’s name, just above it, looked as though it had been hand-written with a pen ...
Wingwatch: the Blog.


domenica 7 luglio 2013

Orologi: la lotta ai falsi


Gli orologi falsi sono da sempre la spina nel fianco dei produttori svizzeri, ancora più delle interpretazioni troppo elastiche della denominazione Swiss Made. A quest'ultimo problema la nuova legge di cui ho trattato recentemente dovrebbe porre un rimedio almeno parziale. La lotta ai falsi, invece, è ben lontana da un esito definitivo. I primi casi risalgono agli Anni 70, nel 1983 ci fu la prima sentenza favorevole ad alcune Case svizzere contro fabbricanti di Hong Kong che commercializzavano copie servili di prodotti elvetici. Il fenomeno è cresciuto con l'avvento di internet e delle migliaia di siti che vendono "repliche" online.
Le Fédération Horlogère (FH, Confindustria dell'orologeria) reagisce con campagne d'informazione volte a mettere in guardia contro acquisti che sembrano innocenti ma che in realtà finanziano organizzazioni criminali dedite non solo al furto della proprietà intellettuale ma anche allo sfruttamento del lavoro minorile e al traffico di stupefacenti. Nella foto sotto, una delle affiche vincenti del concorso bandito per la giornata 2013 contro i falsi: protagonista un orologio creato con rifiuti metallici.


La battaglia giudiziaria procede parallelamente alla dissuasione del pubblico. La settimana scorsa sono state rese note le cifre del 2012. L'azione più eclatante è stata il sequestro di 80.000 orologi falsi a Dubai, tempio mediorientale dello shopping. Il totale degli orologi falsi distrutti l'anno scorso ammonta a un milione. La FH ha inoltre ottenuto il blocco di 160.000 vendite all'asta online, quasi tutte su piattaforme cinesi. Lo strumento più sofisticato della lotta è il programma di web-intelligence sviluppato in collaborazione con una scuola di informatica, che permette di sorvegliare l'attività di 3.600 siti alla settimana e di inviare 250 diffide al giorno. Nel 40% dei casi è sufficiente questo perché molti host preferiscono disfarsi dei clienti scomodi per evitare un'azione giudiziaria. Nel 2012, 14 processi per violazione dello Swiss Made sono stati celebrati negli Stati Uniti.
Risultati soddisfacenti? Solo se li si prende per ciò che sono: un piccolo deterrente, una goccia nell'oceano di violazioni che spesso si fanno beffe degli strumenti impiegati per combatterle. Basti pensare al numero di siti che pubblicizzano impunemente le "repliche", in diversi casi come rispettabili (?) inserzionisti di altre piattaforme, e vantando la qualità dei movimenti svizzeri (!) al loro interno. La caccia ai falsi ricorda un po' la lotta dello sport pulito contro il doping: sempre in ritardo, costretta a inseguire. Ma nel ciclismo, almeno, i clienti del dottor Fuentes e degli altri apprendisti stregoni preferiscono la discrezione.