mercoledì 23 settembre 2015

Museum Collection - The List (21)

ENGLISH
The chronological list of the 100 wristwatches making up The Museum Collection book features the Patek Philippe Calatrava at number 21. The excerpt taken from the text focuses on the center seconds version of this iconic timepiece.
Click here for more infos on The Museum Collection project.


ITALIANO
La lista cronologica dei 100 orologi da polso che comporranno il libro The Museum Collection presenta il Calatrava di Patek Philippe al numero 21. Il brano tratto dal testo è dedicato alla versione con secondi centrali di questo segnatempo leggendario.
Cliccate qui per maggiori informazioni sul progetto The Museum Collection.
 
Simple is better
★★★
 
 
...  Center seconds Calatravas, rarer than models with subsidiary seconds, were equipped with a 12"SC calibre, the center seconds version of the 12"-120, finished by Victorin Piguet, a renowned movement maker from Le Sentier ...

...  I Calatrava con secondi centrali, più rari dei modelli con i secondi a ore 6, erano equipaggiati con il calibro 12"SC, versione del 12"-120 con finiture di Victorin Piguet, noto fabbricante di movimenti di Le Sentier ...
 
 
 

lunedì 14 settembre 2015

Museum Collection - The List (20)


ENGLISH
The chronological list of the 100 wristwatches making up The Museum Collection book features a digital model of the early 1930s at number 20. This kind of timepiece was rather popular at the time, which is why a demanding collector should own one. This Cortébert is quite unsual, as the excerpt taken from the text explains.
Click here for more infos on The Museum Collection project.


ITALIANO
La lista cronologica dei 100 orologi da polso che comporranno il libro The Museum Collection presenta un modello digitale dei primi anni 30 al numero 20. Questo tipo di orologio era molto popolare all'epoca, per cui un collezionista esigente dovrebbe possederne uno. Questo Cortébert è del tutto inusuale, come spiega il brano tratto dal testo.
Cliccate qui per maggiori informazioni sul progetto The Museum Collection.

The digital alternative
★★★


... The digital wristwatches of the 1930s have similar features, in that they all use rotating discs in place of hands to display time indications through the windows on the case front. The hour indication "jumps" - hence the English name of these timepieces - one position farther after an hour has passed. This Cortébert might be unique, in that the minute indication jumps, as well ...

... Gli orologi digitali degli Anni 30 hanno caratteristiche simili, nel senso che tutti usano dischi girevoli al posto delle lancette per visualizzare le funzioni del tempo attraverso finestrelle scavate sulla parte frontale della cassa. L'indicazione dell'ora "salta" - di qui il nome italiano di "saltarello" - di una posizione al passaggio di ogni ora. Questo Cortébert è probabilmente unico poiché anche l'indicazione dei minuti "salta"...

 

mercoledì 9 settembre 2015

Recensioni - Gone Girl

Un thriller magistrale
 

Un thriller magistrale nell'intreccio e nel ritmo. Al centro c'è un matrimonio avvelenato dal tradimento, dai sospetti e dal rancore. Chi è il primo sospettato se sparisce la moglie? Il marito. Ovvio per tutti: i vicini, i parenti, i media attirati dallo scoop, e soprattutto la polizia. Però non bisogna fidarsi delle apparenze, e nemmeno di quello che sembra esserci al di là delle apparenze. Perfino il lettore disincantato faticherà ad orientarsi nella realtà e nella mente contorte che si celano dietro il dramma familiare. I colpi di scena sono numerosi, ma non è necessariamente questa la marcia in più di Gone Girl. A me il romanzo è piaciuto soprattutto perché l'autrice non prende scorciatoie improbabili come accade spesso in questo genere narrativo. I pensieri e i comportamenti dei personaggi sono plausibili, e lo stesso si può dire delle loro conseguenze, anche quando il caso ci mette lo zampino. C'è uno studio psicologico accurato dietro la creazione di protagonisti così veri, nella loro percezione alterata della vita, da rendere logico un finale apparentemente paradossale.


mercoledì 2 settembre 2015

Museum Collection - The List (17)

The chronological list of the 100 "must-haves" making up The Museum Collection book features the world's first self-winding wristwatch at number 17 - the Harwood Automatic. The excerpt taken from the text focuses on the origins of a project that was not necessarily brought about by a desire to avoid winding one's timepiece every day.
Click here for more infos on The Museum Collection project.


The watch that winds itself
★★★

 

... John Harwood, a watchmaker from the Isle of Man, set about developing different winding and setting mechanisms located inside the watch in order to dispense with the need of an opening in the watch case for the winding stem. In 1924, he was awarded a Swiss patent for a movement relying on a pivoted oscillating weight that moved to and from through an arc of 270° hitting buffer spring on both sides, ...

Case 18kt yellow gold, snap-on back. 
Movement Caliber AS, self-winding, 23.4 mm, 15 jewels, hammer winding in one direction, cut bimetallic balance, flat hairspring, 18,000 vibrations per hour.