giovedì 16 novembre 2017

Vintage ad - Omega


ENGLISH (il testo italiano è sotto l'immagine)
"High precision". Dating back to 1917, this ad reminds us that Omega was among the earliest manufacturers to feature a wrist chronograph in their catalog. The Bienne brand introduced its first such timepiece in 1913, by soldering wire lugs to the silver case of a pocket chronograph equipped with a 18 ligne in-house movement. In 1915, the model featured on top of this ad was introduced - the ref. 568.18 with the same Caliber 18''' SOPB CHRO. The push piece for starting, stopping and resetting is located at the six o'clock position.
Do you like vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking.
Click here to display and download a 20-page preview of Volume 1.
Please note that the vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.

ITALIANO
"Alta precisione". Questo annuncio del 1917 ci ricorda che Omega fu tra i primi fabbricanti a inserire un cronografo da polso nel proprio catalogo. La Casa di Bienne lanciò il primo nel 1913, saldando due anse a filo sulla cassa d'argento di un cronografo da tasca equipaggiato con un movimento da 18 linee. Nel 1915 nacque il modello visibile in alto nella pagina: la ref. 568.18 con lo stesso calibro 18''' SOPB CHRO. Il pulsante per l'avvio, l'arresto e il ritorno a zero si trova a ore 6.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento.
Clicca qui per visualizzare e scaricare un'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


 

domenica 12 novembre 2017

Watch Is It / Day 3 - Doxa



(scroll down for the English text)
ITALIANO
Nessuno è riuscito a identificare il fabbricante di questo orologio e a vincere la terza tappa del campionato Watch Is It. Ecco i dettagli storici e tecnici sull'oggetto misterioso di oggi.
Questo esemplare risale ai primi Anni 30. L'elaborata cassa d'oro bianco e il movimento di qualità superiore, provvisto di tre regolazioni, dimostrano che si tratta di un prodotto di gamma alta. All'epoca della sua fabbricazione, il marchio Doxa era molto noto agli appassionati di orologi. I suoi annunci pubblicitari apparivano con frequenza sulle riviste e sui giornali, accompagnati da slogan in cui la compagnia sottolineava la modernità dei propri orologi sia dal punto di vista tecnico sia estetico.

   
Funzioni Ore, minuti, secondi.
Misure 37 x 22 mm, spessore 7 mm.
Cassa Oro bianco 18k, fondo chiuso a pressione.
Movimento Calibro 899, carica manuale, diametro 19,75 mm, 17 rubini, bilanciere bimetallico tagliato, spirale piana, 3 regolazioni, 18.000 alternanze/ora.
PARTECIPA A WATCH IS IT. NON COSTA NULLA E PUOI VINCERE UNO SPLENDIDO OROLOGIO!
Classifica dopo la 3. giornata: F. Vanni p. 11; D. Martelli 4.



ENGLISH
No one could identify the manufacturer of this timepiece and win the third stage of the Watch Is It contest. Here are a few historical and technical infos about today's mystery watch.
This watch dates back to the early 1930s. The elaborate design of its white gold case and the quality of the movement - provided with three adjustments - suggest that it was a high-end timepiece. At the time of its production, Doxa was a familiar brand for watch lovers everywhere. Its ads frequently appeared on papers and magazines, along with slogans claiming that the company manufactured state-of-the-art watches both from a technical and aesthetic point ov view. 


Functions Hours, minutes, seconds.
Size 37 x 22 mm, thickness 7 mm.
Case 18k white gold, snap-on back.
Movement Caliber 899, manual winding, diameter 19.75 mm, 17 jewels, cut bimetallic balance, flat hairspring, 3 adjustments, 18,000 vibrations per hour.
TAKE PART IN THE WATCH IS IT CONTEST. IT IS FREE AND YOU CAN WIN A BEAUTIFUL WATCH! 
Ranking after Day 3: F. Vanni p. 11; D. Martelli 4.

 

domenica 5 novembre 2017

Vacheron & Constantin chronograph



ENGLISH (il testo italiano è più in basso nella pagina)
The ref. 4072 chronograph was one of the longest-lived models by Vacheron & Constantin, its production having lasted from 1938 to the early 1970s. The output during these more than three decades totalled 1'178 pieces made in six case versions - yellow gold, rose gold, white gold, steel, steel with yellow or gold bezel. Two versions of the same movement were used - Calibers 434 and 492, both based on the Valjoux 22 and finished according to the high-end standards typical of the brand. The latter include the bevelled angles of the bridges and levers, the straight graining of the levers flat surfaces, the polishing of screw-heads and countersinks, the Geneva stripes on the bridges, the circular graining on the main plate. Finished in mirror polish, the bezel is mostly bevelled, flat bezels being less frequently seen. The sides are brushed, whilst the top and lugs are polished. The pushers can be rectangular or - rarely - oval. The dial is found in a number of versions, featuring black printed markers and indexes or applied indexes in gold, and different scales (tachometric, telemetric, pulsometric, etc.).


The illustrated example dates back to 1963 and is one of the 214 pieces made in yellow gold and fitted with the Caliber 492. Its dial features a telemetric scale, gold baton hands for the hours and minutes, and blued steel hands for the seconds and chronograph functions. Its original certificate is incorrect in that it mentions 18 jewels rather than 19. It is signed by Georges Ketterer, the then-CEO of the company and a prominent figure of Swiss watchmaking for thirty years. He was the commercial director of Jaeger-LeCoultre when the latter took over Vacheron & Constantin in 1938. He went on to join the board of directors of the Geneva company and purchased a majority stake shortly thereafter. In 1965, he put an end to the partnership with Jaeger-LeCoultre. When he died in 1969, his son Jacques was his successor.


The page taken from the 1945 catalog features the ref. 4072 chronograph along with the other complicated timepieces manufactured by Vacheron & Constantin at the time: a pocket chronograph, the ref. 4178 wrist chronograph with tear lugs, the ref. 4240 full calendar and the extremely rare minute repeater. The 4072 in yellow gold was listed at 1,045 Swiss francs. Interestingly, the newly launched Datejust by Rolex cost more or less the same - 1,025 Swiss francs.

Functions Hours, minutes, seconds, chronograph with minute register. 
Case 18kt yellow gold, snap-on back.
Size Diameter 34 mm, thickness 9 mm.
Movement Caliber 492, manual winding, diameter 29.5 mm, thickness 5.8 mm, 19 jewels, monometallic screw balance, Breguet hairspring, adjusted to temperatures, 18,000 vibrations per hour.


ITALIANO
Il cronografo ref. 4072 è uno dei modelli più longevi di Vacheron & Constantin, con una permanenza in catalogo che durò dal 1938 ai primi Anni 70. In questo periodo di oltre tre decenni, la manifattura ne produsse 1.178 pezzi suddivisi in sei varianti di cassa: oro giallo, oro rosa, oro bianco, acciaio, acciaio con lunetta d'oro giallo o rosa. Furono utilizzate due versioni dello stesso movimento: i Calibri 434 e 492, elaborazioni del Calibro Valjoux 22 rifinite secondo gli standard dell'alta orologeria. Fra gli interventi figurano i margini dei ponti e delle leve smussati, le superfici delle leve satinate, le teste delle viti e i margini dei fori lucidati, le Côtes de Genève sui ponti, la perlatura della platina. La lunetta, lucidata a specchio, è per lo più inclinata; i modelli con lunetta piatta sono rari. I lati sono satinati, mentre le parti superiore e inferiore delle anse sono lucide. I pulsanti possono essere rettangolari o, raramente, ovali. Il quadrante esiste in numerose varianti con indici neri stampati o d'oro applicati e diverse scale (tachimetrica, telemetrica, pulsometrica, ecc.).

L'esemplare illustrato risale al 1963 ed è uno dei 214 d'oro giallo con Calibro 492. Sul quadrante appare la scala telemetrica, le lancette sono d'oro a bastone (ore e minuti) e d'acciaio azzurrato (secondi e finzioni cronografiche). Il certificato originale contiene un'inesattezza nel numero dei rubini: ne sono indicati 18 invece di 19. È firmato da Georges Ketterer, allora presidente della società e figura di spicco dell'orologeria svizzera per un trentennio. Era il direttore commerciale di Jaeger-LeCoultre quando quest'ultima, nel 1938, rilevò Vacheron & Constantin. Poco dopo, entrò nel consiglio d'amministrazione della Casa ginevrina e ne divenne azionista di maggioranza. Nel 1965, mise fine al partenariato con Jaeger-LeCoultre. Alla sua morte, nel 1969, il successore fu il figlio Jacques.

The Vacheron & Constantin headquarters in the 1950s
La sede di Vacheron & Constantin negli Anni 50

La pagina tratta dal catalogo del 1945 mostra il 4072 insieme con gli altri orologi complicati prodotti da Vacheron & Constantin in quel periodo: un cronografo da tasca, il cronografo 4178 con anse a goccia, il calendario completo 4240 e il rarissimo ripetizione minuti da polso. Il prezzo del 4072 in oro giallo era di 1.045 Franchi svizzeri. Il neonato Datejust di Rolex costava più o meno la stessa cifra: 1.025 Franchi svizzeri.


Funzioni Ore, minuti, secondi, cronografo con contatore dei minuti.
Dimensioni Diametro 34 mm, spessore 9 mm.
Cassa Oro giallo 18k, fondo chiuso a pressione. 
Movimento Calibro 492, carica manuale, diametro 29,5 mm, spessore 5,8 mm, 19 rubini, bilanciere monometallico, spirale Breguet, regolato alle temperature, 18.000 alternanze/ora.

A ref. 4072 chronograph with tachimetric scale
Un cronografo ref. 4072 con scala tachimetrica



 

mercoledì 1 novembre 2017

Il meglio di ottobre

Uno sguardo alternativo sulla cronaca

31.10.2017
HASTA LA VICTORIA SIEMPRE
L'indomito Carles Puidgemont, eroe in esilio della secessione catalana, ha messo la cose in chiaro fin dal suo arrivo a Bruxelles: il suo appartamento dovrà essere indipendente dal resto del condominio. 

30.10.2017
RIVELAZIONI 
Secondo uno studioso modenese di Nostradamus, tra le Centurie si nasconderebbe l'ennesima verità sconvolgente che nessuno ha mai voluto riconoscere e divulgare prima d'ora: Vettel è una pippa.

24.10.2017
EQUIVOCI
Duramente attaccati per il ritratto di Anna Frank con la maglia della Roma, i leader del tifo laziale chiariscono che si tratta di un equivoco: "Il nostro delegato agli affari culturali pensava che fosse una foto di Sabrina Ferilli da giovane".


3.10.2017
SIAMO STATI NOI
Ad occhio e croce, l'unico evento che l'ISIS non ha (ancora) rivendicato è il Diluvio Universale.



lunedì 30 ottobre 2017

Vintage ad - Concord

ENGLISH
"Concord - The 1mm barrier is broken". This 1980 ad celebrates a historic triumph in the competition for the thinnest watch in the world. The Delirium IV watch created by the raw movement manufacturers Ebauches SA and ETA gave Switzerland the final victory over the Japanese companies. Its height of just 0.98 mm enabled Eterna, Longines and Concord to launch the thinnest timepiece ever made.
Do you like vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking.
Click here to display and download a 20-page preview of Volume 1.
Please note that the vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO 
"Concord - Il muro del millimetro è abbattuto". Questo annuncio del 1980 celebra un trionfo storico nella gara per l'orologio più sottile del mondo. Il Delirium IV creato dai fabbricanti di movimenti Ebauches SA ed ETA diede alla Svizzera la vittoria finale sulle Case giapponesi. Il suo spessore di appena 0,98 mm consentì a Eterna, Longines e Concord di lanciare il segnatempo più sottile di tutti i tempi.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento. 
Clicca qui per visualizzare e scaricare un'anteprima di 20 pagine del Volume 1. 
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


venerdì 27 ottobre 2017

Patek Philippe Chronometro Gondolo

La presentazione di un orologio storico. Più sotto, alcune immagini dell'oggetto e dei documenti menzionati nel video.



The featured piece along with a few other Chronometro Gondolo as seen in "Patek Philippe - The Authorized Biography" by Nicholas Foulkes.
L'orologio descritto insieme con alcuni altri Chronometro Gondolo pubblicati in "Patek Philippe - The Authorized Biography" di Nicholas Foulkes.

domenica 22 ottobre 2017

Watch Is It / Day 2 - Glycine Automatic



ITALIANO (scroll down for the English text)
Diego Martelli ha vinto la seconda tappa del campionato Watch Is It identificando il fabbricante di questo orologio. Ecco i dettagli storici e tecnici. 
Fondatore e proprietario di La Glycine, Eugène Meylan presentò una domanda di brevetto per questa invenzione nel 1930: possiamo dunque considerarlo il creatore del primo orologio da polso automatico capace di prestazioni soddisfacenti. La sua invenzione consisteva in un modulo circolare applicabile su movimenti da 8 linee ¾ a carica manuale per trasformarli in automatici "a martello". Indipendenti l'uno dall'altro, i due meccanismi potevano essere separati e riparati con facilità. La corona serviva unicamente per la messa all'ora, poiché non esisteva la funzione di carica manuale. Benché più affidabile della maggior parte di automatici contemporanei come il Wig-Wag, il Rolls e l'Autorist, il Glycine Automatic non ottenne il successo sperato e fu abbandonato verso la metà degli Anni 30. La sigla EMSA visibile sul modulo automatico sta per Eugène Meylan Société Anonyme. I numeri si riferiscono alle domande di brevetto. 

Funzioni Ore, minuti, secondi.
Misure 32 x 28 mm, spessore 10 mm.
Cassa Placcato oro 10k, fondo chiuso a pressione.
Movimento Calibro 35, carica automatica monodirezionale, diametro 19,75 mm, 18 rubini, bilanciere bimetallico tagliato, spirale piana, 18.000 alternanze/ora.
PARTECIPA A WATCH IS IT. NON COSTA NULLA E PUOI VINCERE QUESTO SPLENDIDO OROLOGIO!
Classifica dopo la 2. giornata: F. Vanni p. 11; D. Martelli p. 4.

ENGLISH 
Diego Martelli won the second stage of the Watch Is It contest by identifying the manufacturer of this timepiece. Here are a few historical and technical infos.
Eugène Meylan, founder and owner of La Glycine, applied for patents related to this invention in 1930 - which means that he deserves to be regarded as the creator of the first self-winding wristwatch capable of satisfying performance. His invention consisted of a circular model that could be mounted on 8.75 lignes hand-wound calibers and turn them into bumper automatics. The two thoroughly independent mechanisms were easily separated and serviced. The crown only served to set the time, as the manual winding function was not provided. Though more reliable than most contemporary automatics such as the Wig-Wag, Rolls and Autorist, the Glycine Automatic did not enjoy the success hoped for and was discontinued in the mid-1930s. The EMSA wording seen on the automatic module stands for Eugène Meylan Société Anonyme. The numbers refer to patent applications. 


Functions Hours, minutes, seconds.
Size 32 x 28 mm, thickness 10 mm.
Case 10k gold plated, snap-on back.
Movement Caliber 35, one direction automatic winding, diameter 19.75 mm, 18 jewels, cut bimetallic balance, flat hairspring, 18,000 vibrations per hour.
TAKE PART IN THE WATCH IS IT CONTEST. IT IS FREE AND YOU CAN WIN THIS BEAUTIFUL WATCH! 
Ranking after Day 2: F. Vanni p. 11; D. Martelli p. 4.


 

lunedì 16 ottobre 2017

Juvenia Arithmo



ENGLISH
The rarest, biggest and most iconic version of the slide rule watch patented by Juvenia in 1945. Its 41 mm case allowed for the use of comparatively large digits both in the two fixed scales and the graduated turnable bezel. Readability was further enhanced by the magnifying glass ring on the outer part of the dial. Unlike most slide rule watches of the 1940s, the Arithmo features a CI scale in the outermost position - this is the inverse of the C scale, increasing in magnitude in an anticlockwise manner. The circular slide rule enables the wearer to perform math calculations and conversions.


Functions Hours, minutes, seconds, circular slide rule.
Size Diameter 41 mm, thickness 11 mm.
Case Stainless steel, 18k gold lugs, snap-on back.
Movement Caliber Juvenia, diameter 22.5 mm, 17 jewels, monometallic screw balance, flat hairspring, 18,000 vibrations per hour.


ITALIANO 
La versione più rara, grande e inconfondibile dell'orologio con regolo calcolatore brevettato da Juvenia nel 1945. La cassa da 41 mm consentì di usare cifre relativamente grandi nelle due scale fisse e nella lunetta graduata girevole. La leggibilità fu ulteriormente migliorata con l'adozione di una lente d'ingrandimento circolare sulla parte esterna del quadrante. Contrariamente alla maggior parte degli orologi con regolo calcolatore degli Anni 40, l'Arithmo presenta una scala esterna di tipo CI, cioè con valori crescenti in senso antiorario. Il regolo calcolatore circolare permette di compiere calcoli matematici e conversioni.

 
Funzioni Ore, minuti, secondi, regolo calcolatore circolare.

Misure Diametro 41 mm, spessore 11 mm.
Cassa Acciaio, lunetta d'oro 18k, fondo chiuso a pressione.
Movimento Calibro Juvenia, diametro 22.5 mm, 17 rubini, bilanciere monometallico a viti, spirale piana, 18.000 alternanze/ora.


 

mercoledì 11 ottobre 2017

Vintage Ad - Rolex

ENGLISH
This 1969 ad features an icon of modern aviation - the supersonic airliner Concorde, that took off for its first test flight on 2 March that year. A month later, Brian Trubshaw piloted the first UK-built Concorde while wearing a gold GMT-Master.
Do you like vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking.
Click here to display and download a 20-page preview of Volume 1.
Please note that the vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO
"Se domani pilotaste il Concorde, indossereste un Rolex". Questo annuncio del 1969 è dedicato a un'icona dell'aviazione moderna. L'aereo di linea supersonico Concorde decollò per il primo volo di prova il 2 marzo di quell'anno. Un mese più tardi, Brian Trubshaw pilotava il primo Concorde di fabbricazione britannica. Al suo polso, un GMT-Master d'oro.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento.
Clicca qui per visualizzare e scaricare un'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


 

mercoledì 4 ottobre 2017

Il meglio di settembre

Uno sguardo alternativo sulla cronaca

28.9.2017
TEMPI MODERNI
Hugh Hefner, mitico creatore di Playboy, ci ha lasciati proprio nel giorno in cui l'Arabia Saudita ha ufficializzato una decisione temeraria sulle donne, legalizzando la pratica postmoderna della guida di un veicolo a motore. Peccato. Una copertina con coniglietta nuda (ma a volto coperto) dietro il volante sulle strade di Riyad gli avrebbe regalato una seconda vita editoriale. 


19.9.2017
APPARIZIONI
Chi fabbrica ipotesi e sospetti sul caso di Emanuela Orlandi sta perdendo tempo. Il Vaticano chiarirà presto che l'apparizione della ragazza a Londra ha la più ovvia delle spiegazioni: si tratta di un miracolo.

18.9.2017
VOLARE
L'interessamento di Ryanair per Alitalia sembra contraddire le rispettive tradizioni aziendali: per il contribuente italiano la compagnia di bandiera non è mai stata low cost.


17.9.2017
POLITICALLY CORRECT
Nell'occhio del ciclone per la disinfestazione insufficiente delle zone dove prolifica la zanzara tigre, le autorità del Lazio contrattaccano: "Come possono chiederci di violare le leggi dello Stato? Bonificare le Paludi pontine sarebbe apologia del fascismo".

16.9.2017
MADE IN ITALY
Trasmissione d'attualità sulla TV della Svizzera Italiana, qualche sera fa. Il tema è la pista ciclabile che si progetta lungo una parte del Lago di Lugano. Alcuni minuti del reportage sono dedicati al Garda, dov'è già disponibile un tratto - fra Torbole e Riva - dell'anello di 140 km che, una volta completato, sarà la ciclopista più spettacolare d'Europa. L'inviato intervista alcuni cicloturisti provenienti da Lucerna, Svizzera centrale. "Favoloso", commentano. "Qui hanno fatto tutto in pochi anni. Da noi si parla, si discute e poi non si combina niente". Questi svizzeri. Perché fanno finta di non sapere che, se cercano rapidità ed efficienza, devono andare in Italia?. 

4.9.2017
FIRST LADY
Criticata per essersi presentata con i tacchi a spillo d'ordinanza nelle zone inondate del Texas, Melania Trump ha avuto un motto di stizza: "Non potevo certo andare a un incontro ufficiale con il signor Hurricane Harvey struccata e con le scarpe da ginnastica". 

2.9.2017
COLUMBUS DAY
Negli USA si registra un'inedita coalizione tra intellettuali di orientamento diverso contro gli omaggi a Cristoforo Colombo. "Non voglio celebrazioni di quel negro comunista nella mia città", tuona un ideologo dei suprematisti bianchi. "Avrebbero dovuto impiccarlo a Norimberga con i suoi amici, quel fascista", s'infiamma un paladino dei diritti civili. "È lui che ha portato il Big Mac dall'Europa e ci ha fatto diventare obesi", inveisce una leader vegana.


martedì 3 ottobre 2017

Vintage ad - Patek Philippe


ENGLISH
"The highest awards since 1844 - Agents in all main cities". Published by the New York branch of the Geneva manufacturer, this 1934 ad features a few models with Art Deco dials and leaf-shaped hands, among which the recently introduced Ref. 96 Calatrava (in the center).
Do you like vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking.
Click here to display and download a 20-page preview of Volume 1.
Please note that the vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO
"I premi più prestigiosi dal 1844 - Agenti in tutte le città principali". Pubblicato dalla filiale newyorkese della Casa di Ginevra, questo annuncio del 1934 presenta alcuni modelli con quadrante Art Deco e lancette a foglia, tra i quali la recente Ref. 96 "Calatrava".
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento.
Clicca qui per visualizzare e scaricare un'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


 

domenica 1 ottobre 2017

Watch Is It / Day 1 - Eberhard Extra-Fort



(scroll down for the English text)
ITALIANO 
Federico Vanni ha vinto la prima tappa del campionato Watch Is It identificando la marca e il nome di questo esemplare degli Anni 50. Ecco i dettagli storici e tecnici. 
Il nome del cronografo Extra-Fort, lanciato negli Anni 50, allude alla robusta costruzione della cassa. L'aspetto e il funzionamento sono tipici della produzione Eberhard. Benché simile a un cronografo convenzionale, questo modello è in realtà un monopulsante il cui pulsante superiore gestisce le funzioni di avvio, arresto e ritorno a zero. Il bottone a ore 4 è in realtà un tasto a slitta con il quale è possibile arrestare la lancetta cronografica durante la misurazione. Quando si riporta il tasto nella posizione iniziale, la lancetta cronografica riparte. Il calibro dell'orologio illustrato è il 14-74 di Dépraz & Cie., costruttore della Vallée de Joux specializzato in orologi complicati. Avendo ottenuto il diritto d'uso esclusivo del movimento, Eberhard lo ribattezzò Calibro 310-8.
Funzioni Ore, minuti, secondi, cronografo con contatore dei minuti.
Misure Diametro 38 mm, spessore 11 mm.
Cassa Oro 18k, fondo chiuso a pressione.
Movimento Calibro 310-8, carica manuale, diametro 31,58 mm, 17 rubini, bilanciere monometallico a viti, spirale piana, dispositivo antiurto Incabloc, 18.000 alternanze/ora.
PARTECIPA ANCHE TU A WATCH IS IT. NON COSTA NULLA E PUOI VINCERE UNO SPLENDIDO OROLOGIO!
Classifica dopo la 1. giornata: F. Vanni p. 11 (10 + 1 p. in quanto possessore di un libro della collezione Watch Books)


ENGLISH
Federico Vanni won the first stage of the Watch Is It contest by identifying the brand's and model's name of this timepiece of the 1950s. Here are a few historical and technical infos.
The name of the Extra-Fort ("Extra-Strong") chronograph, launched in the 1950s, hints to the sturdy construction of the case. Its layout and operating mode are typical of the Eberhard production. Though similar to a standard chronograph, this timepiece is a monopusher chronograph whose upper button enables to start and stop timing, as well as reset to zero. The lower button is a sliding device by which the chronograph hand can be stopped during timing. When the sliding button is released, the chronograph hand starts to move again. The caliber of the featured timepiece is the 14-74 by Dépraz & Cie., a manufacturer from the Vallée de Joux specializing in complicated watches. Having got exclusive rights on the movement, Eberhard renamed it as Caliber 310-8.    
Functions Hours, minutes, seconds, chronograph with minute counter.
Size Diameter 38 mm, thickness 11 mm.
Case 18kt gold, snap-on back.
Movement Caliber 310-8, manual winding, diameter 31.58 mm, 17 jewels, monometallic screw balance, flat hairspring, Incabloc shock-absorber, 18,000 vibrations per hour. 
TAKE PART IN THE WATCH IS IT CONTEST. IT IS FREE AND YOU CAN WIN A BEAUTIFUL WATCH! 
Ranking after Day 1: F. Vanni p. 11 (10 + 1 bonus point having proved ownership of a book belonging to the Watch Books series).