martedì 11 dicembre 2018

Vintage timepieces - IWC Yacht Club


ENGLISH
This elegant sports watch of the 1960s features a stunning blue dial and the in-house self-winding movement with Pellaton system. The original bracelet made by Gay Frères is dated 1 68, meaning the first trimester of 1968.


Functions Hours, minutes, seconds, date.
Size Diameter 36 mm, thickness 11 mm. 
Case Stainless steel, screw down back. 
Movement Calibre 8541B, self-winding, 28 mm, 21 jewels, rotor winding in both directions, Glucydur screw balance, Breguet hairspring, Incabloc shock absorber, 19,800 vibrations per hour.


A page from Lancette & C. - Pagina da Lancette & C.

ITALIANO
Lo sport chic degli Anni 60 valorizzato da uno splendido quadrante blu. La cassa ospita il movimento automatico IWC di manifattura provvisto di sistema Pellaton. Il bracciale originale di fabbricazione Gay Frères è datato 1 68 (primo trimestre del 1968).


Funzioni Ore, minuti, secondi, data.
Dimensioni Diametro 36 mm, spessore 11 mm. 
Cassa Acciaio, fondo chiuso a vite. 
Movimento Calibro 8541B, automatico, 28 mm, 21 rubini, massa oscillante a carica bidirezionale, bilanciere Glucydur, spirale Breguet, antiurto Incabloc, 19.800 alternanze/ora.


venerdì 30 novembre 2018

Orologi & storie - Le Phare



Il movimento di questo orologio da tasca ha tre complicazioni: cronografo, ripetizione ore e quarti, calendario completo con fasi lunari. La fabbricazione è databile ai primi anni del 900 e il mercato di destinazione era la Russia, come si deduce dai nomi del giorno e del mese in cirillico.


Il nome del fabbricante è inciso sul coperchio interno. Si tratta di Le Phare, Casa di Le Locle specializzata nelle produzione di calibri complicati che usava per i propri orologi e forniva ad altri fabbricanti. Sotto il nome appaiono le medaglie vinte in occasione di manifestazioni internazionali verso la fine del XIX secolo.

Come si nota dalla riproduzione del catalogo stampato negli stessi anni in cui fu fabbricato l’orologio, non appare nessun orologio o movimento solo tempo, solo pezzi complicati.


Le Phare è il marchio registrato dalla ditta Barbezat-Baillot nel 1888. La Casa fu fondata intorno al 1870 e conquistò il primo successo importante all’Esposizione Internazionale di Amsterdam nel 1883.


In questi anni registrò numerosi brevetti nell’ambito dei movimenti complicati, e in particolare di quelli con ripetizione, guadagnandosi una reputazione che le valse un posto nella giuria di concorsi prestigiosi e commissioni importanti.


Gli utili in crescita permisero di creare un ramo d’azienda specializzato nella produzione di macchine per l’orologeria, che fu battezzato Dixi, come la parola latina che significa “ho detto”. Nel 1910, Dixi brevettò un’invenzione rivoluzionaria (qui sopra in una foto degli Anni 70): la macchina automatica con la quale le platine e i ponti dei movimenti di formato ridotto potevano essere perforati con una precisione mai raggiunta prima. Fu l’adozione generalizzata di questa macchina a favorire la diffusione dell’orologio da polso e il suo boom commerciale all’indomani della Prima Guerra Mondiale.
I successi di Le Phare non potevano sfuggire a un vicino di casa ambizioso e in ascesa. La ditta fondata da Georges Favre-Jacot nel 1865 e battezzata Zenith nel 1911 utilizzava da qualche anno i movimenti Le Phare per i suoi orologi complicati. James Favre, genero e successore del fondatore di Zenith, cominciò ad acquistare azioni di Le Phare e Dixi fino a quando ne assunse il controllo nel 1915. Il rapporto si ribaltò nel 1941, quando fu Zenith a essere assorbita dall’ex controllata. Cominciò così l’era di Paul Castella, che guidò Dixi e Zenith fino al 1948, poi solo Dixi fino al 1978 e tornò proprietario di Zenith nel 1978. La sua famiglia lo rimase fino al 1999 e all’avvento del gruppo francese LVMH. Quanto a Dixi, nel 2007 i Castella la cedettero a un gruppo giapponese, che nel 2016 ha chiuso lo stabilimento di Le Locle. Si è così conclusa una storia durata un secolo e mezzo. 

 
Tornando al secolo scorso, Le Phare fu all’origine di altre avventure industriali importanti. Nel 1914 il suo direttore tecnico Georges Pellaton decise di mettersi in proprio dopo 16 anni al servizio della ditta. Grazie ai fondi prestati da parenti e amici, fondò una società che battezzò Martel Watch e diventò fornitrice dei movimenti cronografici Universal. Nel 1959, Zenith assorbì Martel Watch e grazie a questa acquisizione ebbe i mezzi per avviare il progetto del cronografo El Primero.


Nel 1988, Le Phare celebrò i 100 anni della Casa lanciando la collezione Samara, primi orologi automatici svizzeri al quarzo. I Samara furono commercializzati con il marchio Jean d’Eve, che Le Phare aveva registrato qualche anno prima. Nel 1992, Le Phare – Jean d’Eve fu acquisita da una ditta di Hong Kong che ne è tuttora la proprietaria. 

 

lunedì 26 novembre 2018

Rolex 1905-1960 - The video clip

A one-minute video clip about my brand new book. The first half century of Rolex seen through the timeline of events, and the galleries of watches, movements, ads, patents and documents. 
Click here to know more.


Rolex 1905-1960 - Il video

Un minuto sui contenuti del mio nuovo libro. Il primo mezzo secolo di Rolex visto attraverso la cronistoria degli eventi, e le gallerie degli orologi, dei movimenti, della pubblicità, dei brevetti e dei documenti. Clicca qui per saperne di più.

 

sabato 17 novembre 2018

Vintage Ads - Technos (1953)

ENGLISH (il testo italiano è sotto la foto)
"Fairly priced quality and elegance – This is the alliance sealed by Technos ". The Technos trademark belonged to Gunziger Frères S.A., one of the many Swiss companies that went under the name of “établisseurs” – they were basically finishing shops that assembled and timed their products. This Automatic watch was fitted with a movement supplied by a manufacturer of the Ebauches S.A. holding.
Do you like vintage watch ads? Please visit the page about WatchAds, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking. You can also watch the video about the publication and download a 20-page preview of Volume 1.
The vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.

ITALIANO 
“Qualità ed eleganza al prezzo giusto – È questo il patto siglato da Technos”. Il marchio Technos apparteneva a Gunziger Frères S.A., una delle molte ditte svizzere conosciute come “établisseurs”: si trattava essenzialmente di assemblatori che montavano e regolavano i loro prodotti. Questo orologio automatico era equipaggiato con un movimento fornito da un fabbricante del Gruppo Ebauches S.A.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su WatchAds, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento. Puoi anche guardare il video sull'opera e scaricare l'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


martedì 13 novembre 2018

Vintage Press - Revue Internationale de l'Horlogerie (1952)


ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina)
The Revue Internationale de l’Horlogerie (RIH) was a trade magazine published monthly in La Chaux-de-Fonds (Switzerland). Its April 1952 issue was fully devoted to the self-winding wristwatch, a product that over twenty years after its debut still struggled to gain widespread acceptance among the public. As the Bales Watch Fair was approaching, the obvious intent of the RIH was to promote the sales of a timepiece that customers still found unreliable and too expensive.


The brief history of the self-winding watch is the work of Alfred Chapuis, the most reputed historian of watchmaking at the time. Abraham-Louis Perrelet is mentioned as the inventor of the “Perpetuel” timepiece in the 1770s. A few years later, such great watchmakers as Abraham-Louis Breguet and Louis Recordon patented their own ingenious systems. The British John Harwood was the first to create an automatic wristwatch in the late 1920s. In the mid-1930s, the Perpetual by Rolex paved the way to the modern automatic watch.


The next pages feature a wide selection of contemporary self-winding movements presented by their manufacturers. Photo above: calibers by ETA and AS.


Most exhibitors at the upcoming Basel Watch Show were presenting automatic watches. These pages feature products by Rolex, Movado, Omega and Breitling among others.


The final pages are devoted to the impact of the self-winding watch on world markets. Retailers from all over the globe were invited to write about their experiences. Photo above: reports from Brazil and Canada.

ITALIANO
La Revue Internationale de l’Horlogerie (RIH) era una rivista specializzata pubblicata mensilmente a La Chaux-de-Fonds (Svizzera). Il numero dell’aprile 1952 fu interamente consacrato all’orologio da polso automatico, prodotto che a oltre vent’anni dal debutto stentava a conquistare il grande pubblico. Con l’avvicinarsi della Fiera di Basilea, la finalità della RIH era ovviamente di favorire le vendite di un segnatempo che il pubblico percepiva ancora come inaffidabile e troppo caro.
La breve storia dell’orologio automatico fu affidata ad Alfred Chapuis, lo storico dell’orologeria più prestigioso dell’epoca. Abraham-Louis Perrelet è citato come inventore negli Anni 70 del 18esimo secolo. Alcuni anni più tardi, grandi orologiai come Abraham-Louis Breguet e Louis Recordon brevettarono a loro volta sistemi ingegnosi. Il britannico John Harwood fu il primo a creare un orologio da polso automatico verso la fine degli Anni 20. A metà degli Anni 30, il Perpetual di Rolex aprì la strada all’automatico moderno.
Le pagine successive presentano un’ampia gamma di movimenti automatici contemporanei descritti dai loro fabbricanti. Nella terza foto dall’alto, calibri di produzione ETA e AS.
La maggior parte delle Case partecipanti all’imminente Fiera di Basilea esponeva orologi automatici. In queste pagine (quarta foto dall’alto) appaiono prodotti firmati Rolex, Movado, Omega e Breitling fra gli altri.
La sezione finale è dedicata all’impatto dell’orologio automatico sui mercati mondiali. La rivista invitò commercianti di ogni parte del globo a scrivere le loro impressioni sul tema. Nell’ultima foto, i rapporti dal Brasile e dal Canada.

 
  

giovedì 8 novembre 2018

Vintage Timepieces - Laco/Durowe (1940s)



ENGLISH
A wartime watch
Laco (Lacher & Co.) was one of the five manufacturers of observer watches (Beobachtungsuhren or B-uhren) for the German Air Force (Luftwaffe) during WW2. This oversize timepiece is powered by a high grade Durowe movement featuring the hacking seconds device - operated by pulling the winding crown - and originally meant for pocket watches. The engraving on the side of the case refers to the users of this instrument, FL meaning "Flug" (Fly) and the following digits identifying the navigators. The movement's series number is repeated on the the case back.

Functions Hours, minutes, seconds, second stop. 
Size Diameter 55 mm, thickness 17 mm. 
Case Nickel-plated brass, snap-on back. 
Movement Calibre D5, 48 mm, 22 jewels, bimetallic screw balance, Breguet hairspring, 18,000 vibrations per hour.

ITALIANO
Un orologio militare

Laco (Lacher & Co.) era uno dei cinque fabbricanti di orologi di precisione (Beobachtungsuhren or B-uhren) destinati all'avazione militare tedesca (Luftwaffe) durante la Seconda guerra mondiale. Questo segnatempo di grandi dimensioni è animato da un movimento Durowe di alta qualità con funzione di arresto secondi - utilizzabile tirando la corona di carica - e progettato in origine per gli orologi da tasca. La matricola incisa sul lato della cassa si riferisce agli utilizzatori di questo strumento: FL sta per "Flug" (Volo) e le cifre successive identificano i navigatori. Il numero del movimento è replicato sul fondo della cassa.

Funzioni Ore, minuti, secondi, arresto del bilanciere. 
Dimensioni Diametro 55 mm, spessore 17 mm. 
Cassa Ottone placcato nickel, fondo chiuso a pressione. 
Movimento Calibro D5, 48 mm, 22 rubini, bilanciere bimetallico a viti, spirale Breguet, 18.000 alternanze/ora.


 

mercoledì 31 ottobre 2018

Il meglio di ottobre

Uno sguardo alternativo sulla cronaca 😉

31.10.2018
TRIP ADVISOR
Il ministro Toninelli ha perso la pazienza: “Basta con questa TAV. Se uno vuole andare a Lione può usare il treno che passa sotto il tunnel Torino-Parigi e poi prendere la coincidenza”.


23.10.2018
CAMEMBERT
Emergono dettagli inquietanti sulla vicenda dei migranti trasportati in Italia dalla Gendarmerie francese. Un agente avrebbe confessato che all’origine dell’iniziativa ci sono rancori personali: “Quando hanno detto che vogliono il Parmigiano perché i nostri formaggi puzzano come scarpe da ginnastica vecchie abbiamo perso la testa”.

22.10.2018
INVIDIA
Che rabbia. Io ci metto mezzora a inventare una battuta mediocre su Vettel e a lui basta mezzo giro di pista per strappare una risata a tutto il box Mercedes.


21.10.2018
TRUCCHI DI BILANCIO
“Un argento che vale oro!“ hanno esultato alcuni commentatori dopo il secondo posto mondiale della Nazionale femminile di volley. Il Commissario europeo Moscovici ha reagito annunciando una procedura d’infrazione contro l’Italia per turbativa del mercato dei metalli preziosi.


4.10.2018
DANCING QUEEN
L’ombra di uno scandalo si allunga sulle trattative in vista della Brexit. Ecco le prove che Jean-Claude Juncker ha fatto bere Theresa May per approfittare di lei.

giovedì 25 ottobre 2018

Vintage Ad - Incastar (1949)

ENGLISH (il testo italiano è sotto l'immagine)
"A revolutionary devolopment in regulation ... After the Incabloc, Universal Escapement Ltd. now offers a new and important development". Patented by Fritz Marti - inventor of the Incabloc shock absorber - the Incastar device guaranteed long-period stability to the running rate of movements.
Do you like vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking. You can also watch the video about the publication and download a 20-page preview of Volume 1.
The vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.

 

ITALIANO
"Una novità rivoluzionaria nella regolazione ... Dopo l'Incabloc, Universal Escapement SA presenta un perfezionamento nuovo e importante". Brevettato da Fritz Marti - l'inventore dell'antiurto Incabloc - il dispositivo Incastar garantiva stabilità durevole alla marcia del movimento.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento. Puoi anche guardare il video sull'opera e scaricare l'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


domenica 21 ottobre 2018

Lancette & C.

Un classico per gli appassionati: la storia dell'orologio da polso come non è mai stata raccontata prima in un libro in italiano. Clicca qui per saperne di più.

 

martedì 16 ottobre 2018

Vintage Gadgets - Rolex

Breakfast at Rolex's
Colazione da Rolex


Click here to discover the new must-read for the Rolex fan!
Clicca qui per scoprire la nuova Bibbia dell'appassionato Rolex!


sabato 6 ottobre 2018

Vintage Library - Longines (1947)



ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina)
In 1947, Longines celebrated its 80th anniversary by publishing a 200-page book that featured dozens of pen-and-ink drawings, black and white photos, as well as color plates. Contained in a cardboard case and an additional cardboard cover, Histoire de la Fabrique des Longines (History of Longines) was printed by the Imprimerie Centrale from Lausanne in a luxury edition of 80 examples and a standard edition of 2,180 copies.


The text details the events of a saga that started in 1847, when Auguste Agassiz became the sole owner of a workshop he had opened a few years before in Saint-Imier, along with two associates. Ernest Francillon, his nephew, took over the business in 1862 and built a factory in the locality called Les Longines.


Though rather hard, the 1870s saw the opening of the American agency in New York and the creation of the watchmaker’s Trade Mark – an hour glass with wings.


Longines started the following century in a much better shape and as a private company. The annual production rose to 122,000 pieces and the number of workmen reached 800. The photo above shows a crowded workshop. Longines had to extend its factory.


After the fame and success brought about by pilots such as Charles Lindbergh, who timed their record-breaking flights with Longines watches, the World crisis of the early 1930s affected the company greatly. It survived somehow and resumed its rise in the second part of the decade. The wrist chronograph (see above) was one of its flagship products.
The breakout of World War 2 led to the general mobilization of the Swiss Army, which weakened the company’s workforce. Commercial difficulties multiplied, but Longines managed to distribute millions of watches each year and duly celebrated its 75th anniversary in 1942. In 1947, as the book came out, the company was enjoying the post-war boom.

ITALIANO
Nel 1947, Longines celebrò il suo 80esimo compleanno con un libro di 200 pagine che presentava decine di disegni a penna, foto in bianco e nero e tavole a colori. Inscatolato nel cartone e dotato di copertina rigida supplementare, Histoire de la Fabrique des Longines (Storia della fabbrica dei Longines) fu stampato dall’Imprimerie Centrale di Losanna in un edizione di lusso di 80 copie e in una standard di 2.180 copie.
Il testo ripercorre gli eventi di una saga avviata nel 1947, quando Auguste Agassiz rimase proprietario unico del laboratorio che aveva aperto a Saint-Imier alcuni anni prima, insieme con due soci. Il suo nipote Ernest Francillon, rilevò la ditta nel 1862 e costruì una fabbrica nella località di nome Les Longines. Benché difficili, gli Anni 1870 videro l’apertura di un’agenzia a New York e la registrazione del marchio: una clessidra alata.
Il Ventesimo Secolo iniziò in modo promettente e Longines diventò una società per azioni. La produzione annuale salì a 122.000 pezzi e i dipendenti raggiunsero le 800 unità. La quarta foto dall’alto mostra un laboratorio affollato. Longines dovette aumentare le dimensioni della fabbrica.
Dopo la fama e il successo conquistati grazie anche alle imprese da record di aviatori come Charles Lindbergh, che utilizzarono segnatempo Longines per la navigazione, la crisi dei primi Anni 30 colpì duramente la Casa. Quest’ultima riuscì a sopravvivere e riprese l’ascesa nella seconda parte del decennio. Il cronografo da polso (ultima foto dall’alto) fu uno dei suoi prodotti di maggiore successo.
Lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale determinò la mobilitazione generale dell’esercito svizzero, decimando la forza lavoro. Le difficoltà del commercio aumentarono, ma Longines riuscì ugualmente a distribuire milioni di orologi all’anno e non mancò di celebrare il 75esimo anniversario dalla fondazione nel 1942. Nel 1947, quando uscì il libro, la Casa stava vivendo il boom del dopoguerra.

 

lunedì 1 ottobre 2018

Gordon Newton


ITALIANO (scroll down for the English text)
Il 2018 è un anno triste per gli ammiratori dei Para del 9. Battaglione britannico che parteciparono alla Battaglia di Normandia nel 1944. Dopo la scomparsa di Geoff Pattinson nel mese di maggio, è di ieri la notizia che anche Gordon Newton ha raggiunto molti ex compagni d’armi nel Paradiso degli eroi. Ho avuto la fortuna di incontrarlo più volte a Merville, durante le celebrazioni del D-Day, e di scambiare qualche parola con lui. La foto qui sotto è stata scattata da un altro visitatore del sito. La definirei una delle poche immagini in cui sono ritratto con un VIP autentico.
Chi desidera a leggere qualcosa sulla vita straordinaria di Gordon Netwon è invitato a cliccare qui.



ENGLISH
2018 is a sad year for the admirers of the 9th Battalion Paras who took part in the Normandy campaign during WW2. After Geoff Pattinson in May, another hero sadly passed away yesterday. I was lucky enough to meet up with Gordon Newton on several occasions during the D-Day anniversary annual celebrations in Merville, and have a word with him. This picture was taken by another visitor. It is one of the very few images in which I am portrayed with a real VIP.
If you wish to read something about Netwon’s extraordinary life, click here.   



domenica 30 settembre 2018

Il meglio di settembre

Uno sguardo alternativo sulla cronaca 😉

29.9.2018
GEMELLI DIVERSI
Le immagini si assomigliano solo in apparenza. Dei due statisti, solo quello visibile a destra sa come trascinare le folle.

24.9.2018
AMARCORD
In vista delle elezioni europee, i partiti storici italiani puntano sulla continuità. Forza Italia candida Berlusconi. Nel PD si va verso un testa a testa Togliatti-Berlinguer.

19.9.2018
IL TESORETTO
Il Ministero dell'Economia ha risposto con tempestività all'appello di Di Maio. I soldi per gli italiani ci sono e i collaboratori di Tria si sono già recati presso la Fontana di Trevi per recuperarli.

15.9.2018
SPERIAMO CHE SIA FEMMINA
Chi ha l’abitudine di guardare alla Svizzera come un’isola spensierata dovrà ricredersi. L’interpellanza presentata al Municipio di Bellinzona, capitale del Canton Ticino, dimostra che anche da queste parti la politica è chiamata ad affrontare scelte drammatiche. Due consiglieri Verdi, una Socialista e un Comunista (qui la Sinistra non conosce crisi) denunciano la gravità della situazione e sollecitano “un piano di riequilibrio della distribuzione delle vie tra i due principali generi”. Urge cioè un rimedio contro la sproporzione sessista tra le arterie cittadine intitolate a personalità maschili (troppe) e quelle femminili (troppo poche). La battaglia di civiltà portata avanti dai coraggiosi firmatari è encomiabile, ma si espone a una critica. Che fare per il nome della città, che è chiaramente femminile e dunque discriminatorio in senso opposto? Una soluzione ci sarebbe: chiamarla Bellinzone, così chiunque - appartenente o meno a uno dei due principali generi - potrà decidere secondo coscienza se si tratta di un nome maschile (il bellinzone) o femminile (le bellinzone).


14.9.2018
MOVIMENTI DI MERCATO
Macron annuncia il reddito universale in Francia. Sembrano dunque fondate le voci sul passaggio di Di Maio al Paris Saint-Germain.


9.9.2018
U.S. OPEN
Ieri notte ho fatto uno strano sogno. C’era Mike Tyson che indossava un tutù nero, impugnava una racchetta da tennis e se la prendeva con un tizio seduto su un seggiolone: “Se io fossi un uomo non mi tratteresti così!”


3.9.2018
PROFONDO ROSSO
Nuovi guai per la Ferrari dopo il Gran Premio di Monza. La compagnia di assicurazione ha disdetto la polizza Kasko di Vettel.


1.9.2018
OUTSIDER
Con l’esclusione di Lula, diventa impossibile prevedere l’esito delle elezioni presidenziali in Brasile. Potrebbe vincere chiunque. Perfino un candidato del PD.


1.9.2018
CHE ORA È
La riforma dell’ora promossa dalla Commissione Europea è un duro colpo ai pregiudizi dei sovranisti, la conferma che le istituzioni comunitarie sono vicine ai cittadini e sanno come risolvere i loro problemi. Finalmente ogni Paese sarà libero di scegliere il proprio orario, con vantaggi per tutti. Per esempio, la Germania e la Svezia potranno promuovere il turismo balneare adottando il fuso orario della Florida.


venerdì 28 settembre 2018

Rolex 1905-1960

Soon available in bookshops: the new must-read for the Rolex fan!
In arrivo in libreria: la nuova Bibbia dell'appassionato Rolex!


ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina)
An excerpt from the preface 
"Unlike other books about Rolex, including my own Rolex dalla A alla Z, published in 2007, this work focuses on a specific period, namely the first half-century of the company – the years that shaped its identity and paved the way to its worldwide success.   
The choice to cover a comparatively limited time span allows for a multi-faceted approach to the subject. Rolex 1905-1960 is much more than your usual photo gallery of hundreds of watches. All the important timepieces are obviously there, along with detailed descriptions and price estimates. What makes this book different is that they are set against a wider background than is usually the case, the aim being to provide the reader with as many viewpoints as possible ..."
Click here to display and download the PDF preview file.
Page count: 360, full color
Binding type: hardback
Trim Size: 8.5" x 11"
Languages: English and Italian
Price: € 160 - $ 190 - CHF 190

ISBN: 978-88-941704-4-3

ITALIANO
Un estratto dalla prefazione
"Al contrario degli altri libri su Rolex, compreso il mio Rolex dalla A alla Z, uscito nel 2007, questo volume tratta un periodo specifico: il primo mezzo secolo di storia della Casa, gli anni che ne hanno definito l’identità e gettato le basi del suo successo mondiale.
La scelta di concentrarsi su un lasso di tempo relativamente limitato ha il vantaggio di permettere un approccio variegato all’argomento. Rolex 1905-1960 è molto più della solita galleria fotografica con centinaia di immagini di orologi. Naturalmente i modelli importanti ci sono tutti, accompagnati da descrizioni dettagliate e dalle valutazioni di mercato. A differenza di altre pubblicazioni, però, questo libro li colloca su uno sfondo più ampio, affinché il lettore possa giovarsi di punti di vista diversi ..."
Pagine: 360 a colori
Rilegatura: cartonato
Formato: cm 21,59 x 27,94
Lingue: italiano e inglese  

Prezzo: € 160 - $190 - CHF 190 
Clicca qui per visualizzare e scaricare l'anteprima in formato PDF.