sabato 6 ottobre 2018

Vintage Library - Longines (1947)



ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina)
In 1947, Longines celebrated its 80th anniversary by publishing a 200-page book that featured dozens of pen-and-ink drawings, black and white photos, as well as color plates. Contained in a cardboard case and an additional cardboard cover, Histoire de la Fabrique des Longines (History of Longines) was printed by the Imprimerie Centrale from Lausanne in a luxury edition of 80 examples and a standard edition of 2,180 copies.


The text details the events of a saga that started in 1847, when Auguste Agassiz became the sole owner of a workshop he had opened a few years before in Saint-Imier, along with two associates. Ernest Francillon, his nephew, took over the business in 1862 and built a factory in the locality called Les Longines.


Though rather hard, the 1870s saw the opening of the American agency in New York and the creation of the watchmaker’s Trade Mark – an hour glass with wings.


Longines started the following century in a much better shape and as a private company. The annual production rose to 122,000 pieces and the number of workmen reached 800. The photo above shows a crowded workshop. Longines had to extend its factory.


After the fame and success brought about by pilots such as Charles Lindbergh, who timed their record-breaking flights with Longines watches, the World crisis of the early 1930s affected the company greatly. It survived somehow and resumed its rise in the second part of the decade. The wrist chronograph (see above) was one of its flagship products.
The breakout of World War 2 led to the general mobilization of the Swiss Army, which weakened the company’s workforce. Commercial difficulties multiplied, but Longines managed to distribute millions of watches each year and duly celebrated its 75th anniversary in 1942. In 1947, as the book came out, the company was enjoying the post-war boom.

ITALIANO
Nel 1947, Longines celebrò il suo 80esimo compleanno con un libro di 200 pagine che presentava decine di disegni a penna, foto in bianco e nero e tavole a colori. Inscatolato nel cartone e dotato di copertina rigida supplementare, Histoire de la Fabrique des Longines (Storia della fabbrica dei Longines) fu stampato dall’Imprimerie Centrale di Losanna in un edizione di lusso di 80 copie e in una standard di 2.180 copie.
Il testo ripercorre gli eventi di una saga avviata nel 1947, quando Auguste Agassiz rimase proprietario unico del laboratorio che aveva aperto a Saint-Imier alcuni anni prima, insieme con due soci. Il suo nipote Ernest Francillon, rilevò la ditta nel 1862 e costruì una fabbrica nella località di nome Les Longines. Benché difficili, gli Anni 1870 videro l’apertura di un’agenzia a New York e la registrazione del marchio: una clessidra alata.
Il Ventesimo Secolo iniziò in modo promettente e Longines diventò una società per azioni. La produzione annuale salì a 122.000 pezzi e i dipendenti raggiunsero le 800 unità. La quarta foto dall’alto mostra un laboratorio affollato. Longines dovette aumentare le dimensioni della fabbrica.
Dopo la fama e il successo conquistati grazie anche alle imprese da record di aviatori come Charles Lindbergh, che utilizzarono segnatempo Longines per la navigazione, la crisi dei primi Anni 30 colpì duramente la Casa. Quest’ultima riuscì a sopravvivere e riprese l’ascesa nella seconda parte del decennio. Il cronografo da polso (ultima foto dall’alto) fu uno dei suoi prodotti di maggiore successo.
Lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale determinò la mobilitazione generale dell’esercito svizzero, decimando la forza lavoro. Le difficoltà del commercio aumentarono, ma Longines riuscì ugualmente a distribuire milioni di orologi all’anno e non mancò di celebrare il 75esimo anniversario dalla fondazione nel 1942. Nel 1947, quando uscì il libro, la Casa stava vivendo il boom del dopoguerra.

 

lunedì 1 ottobre 2018

Gordon Newton


ITALIANO (scroll down for the English text)
Il 2018 è un anno triste per gli ammiratori dei Para del 9. Battaglione britannico che parteciparono alla Battaglia di Normandia nel 1944. Dopo la scomparsa di Geoff Pattinson nel mese di maggio, è di ieri la notizia che anche Gordon Newton ha raggiunto molti ex compagni d’armi nel Paradiso degli eroi. Ho avuto la fortuna di incontrarlo più volte a Merville, durante le celebrazioni del D-Day, e di scambiare qualche parola con lui. La foto qui sotto è stata scattata da un altro visitatore del sito. La definirei una delle poche immagini in cui sono ritratto con un VIP autentico.
Chi desidera a leggere qualcosa sulla vita straordinaria di Gordon Netwon è invitato a cliccare qui.



ENGLISH
2018 is a sad year for the admirers of the 9th Battalion Paras who took part in the Normandy campaign during WW2. After Geoff Pattinson in May, another hero sadly passed away yesterday. I was lucky enough to meet up with Gordon Newton on several occasions during the D-Day anniversary annual celebrations in Merville, and have a word with him. This picture was taken by another visitor. It is one of the very few images in which I am portrayed with a real VIP.
If you wish to read something about Netwon’s extraordinary life, click here.