martedì 16 luglio 2019

Vintage ads - Eterna (1980)

ENGLISH (il testo italiano è sotto l'immagine)
"The difference Sophisticated quartz electronics, incredibly miniaturized movements – today, Eterna watch technology ranks second to none. To prove it, a handful of world records". Thanks to its movement suppliers ETA and Ebauches SA, Eterna could market the world’s thinnest quartz watches starting in 1979, along with Concord and Longines. The 1.98 mm Quartz, seen at the bottom left of this 1980 ad, was soon joined by the Royal Quartz KonTiki, water-resistant to 100 m and fitted with calendar, and the Estrellita Quartz, “the most compact ladies’ quartz watch made”.
Do you like vintage watch ads? Visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking. You can also watch the video about the books and download a 20-page preview of Volume 1.
The vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO  
“La differenza Sofisticata elettronica al quarzo, movimenti incredibilmente miniaturizzati – oggi la tecnologia orologiera Eterna non è seconda a nessun’altra. Lo prova una serie di record mondiali”. Grazie ai suoi fornitori di movimenti ETA e Ebauches SA, a partire dal 1979 Eterna fu in grado di commercializzare gli orologi al quarzo più sottili del mondo, insieme con Concord e Longines. Al modello Quartz da 1,98 mm, visibile in basso a sinistra nell’immagine, si aggiunsero rapidamente il Royal Quartz KonTiki, impermeabile a 100 m e provvisto di datario, e l’Estrellita Quartz, “l’orologio al quarzo per signora più piccolo sul mercato”.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento. Puoi anche guardare il video sull'opera e scaricare l'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non appaiono nei volumi Watch Ads.


 

venerdì 12 luglio 2019

Vintage gadgets - Rolex (1960s-1970s)



ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina)
A few customized pens made for Rolex in the 1960s and 1970s.


The wording on the black and silver model reminds us that Rolex Bienne – the company that manufactured Rolex movements – was a separate entity from Rolex Geneva, and that until 2004.

The green ballpoint seen at the top of the picture bears the manufacturer’s signature hidden beneath the clip – Caran d’Ache, the famous company based in Geneva like Rolex itself.


A mechanical pencil inside its original box. 

ITALIANO
Alcune penne personalizzate create per Rolex tra gli Anni 60 e 70.
L’iscrizione sul modello di colore nero e argento ci ricorda che Rolex Bienne – fabbricante dei movimenti per la Casa – era un’entità separata da Rolex Ginevra, e questo fino al 2004.
La penna a sfera verde visibile nella parte superiore delle terza foto dall’alto porta la firma del fabbricante nascosta sotto il fermaglio: Caran d’Ache, la celebre Casa con sede a Ginevra come la stessa Rolex.
Quarta foto dall’alto: un portamine all’interno dell’astuccio originale.


martedì 9 luglio 2019

The must-reads for watch lovers - The Museum Collection

100 milestones of 20th Century watchmaking - Volume 1 of the Watch Books series. Click here for more details on the contents. 

Page count: 364, full color. 
Binding Type: paperback. 
Trim Size: 8.5" x 11". 
Languages: English and Italian. 
Price: $ 99.
ISBN: 978-88-941704-0-5. 
Click here to download and display the 20-page preview file.  
Click here to order the book.

Le letture per chi non si accontenta del web - The Museum Collection

100 pietre miliari dell'orologeria del Novecento - Volume 1 della collezione Watch Books. Clicca qui per i dettagli sui contenuti.

Pagine: 364 a colori.  
Rilegatura: brossura. 
Dimensioni: cm 21,59 x 27,94.  
Lingue: italiano e inglese.
Prezzo: $ 99.
ISBN: 978-88-941704-0-5.
Clicca qui per scaricare a visualizzare le prime 20 pagine (formato PDF).
Clicca qui per ordinare il libro.

venerdì 5 luglio 2019

Vintage timepieces - Universal Genève (1930s)


ENGLISH (il testo italiano è più in basso)
An eighty-year old watch in excellent condition whose main feature is the Art Déco dial with blued hands. The pictures 3 and 4 refer respectively to the anti-dust cap and case back interiors, whereas the picture 5 features the anti-dust cap seen from the back. Original strap and buckle.

Functions Hours, minutes, seconds. 
Size Diameter 31 mm, thickness 7 mm.
Case 18k gold, snap-on back, metal anti-dust cap.
Movement Calibre 260, 23 mm, 17 jewels, bimetallic balance, flat hairspring, 18'000 vibrations per hour.

ITALIANO
Esemplare degli Anni 30 in condizioni eccellenti, la cui caratteristica più interessante è il quadrante Art Déco con lancette azzurrate. Le immagini 3 e 4 si riferiscono rispettivamente agli interni della calotta antipolvere e del fondo, mentre la 5 mostra la calotta antipolvere vista dal retro. Cinturino e fibbia originali.

Funzioni Ore, minuti, secondi.
Misure Diametro mm 31, spessore mm 7.
Cassa Oro 18k, fondo a pressione, calotta antipolvere in metallo. 
Movimento Calibro 260, 23 mm, 17 rubini, bilanciere bimetallico, spirale piana, 18.000 alternanze/ora.


sabato 29 giugno 2019

Vintage timepieces - Rolex "Jean-Claude Killy"

One of the most sought-after vintage chronographs by Rolex. Video clip by Hora, the Milan-based Italian Association of old watches lovers. Italian audio, English subtitles.


Uno dei cronografi Rolex vintage più ricercati. Video prodotto da Hora, l'Associazione italiana dei cultori dell'orologeria antica con sede a Milano. Audio in italiano, sottotitoli in inglese.


martedì 25 giugno 2019

Art & Time - La Via del Sangue (Jannis Kounellis, 1973)

ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina) 
This post launches a new section of 10e10.ch, devoted to Art in Time and Time in Art. Thanks to exclusive access to the archives of Galleria La Salita, a prominent art gallery in Rome from 1957 to 1998, I will be able to feature works by a few modern and contemporary artists that deal with the favorite subject of this website – time. As it can be expected, they do so in an original, unusual, sometimes puzzling way - the kind of timepieces you never get tired of looking at, even though they do not actually tell the time.

 
The artist’s book titled “La Via del Sangue” is a perfect example of this. Its author is the Greek Italian Jannis Kounellis (1936-2017), the world-famous exponent of Arte Povera, who created it in conjunction with an exhibition titled “Apollo” and held by Galleria La Salita in 1973.


“La Via del Sangue” was published by La Salita and printed by Nazareno Iori from Rome in 290 numbered examples: 250 were offered to the public, 30 were not for sale and 10 were individually signed artist’s proofs.


Each booklet was contained in a publisher’s printed slipcase. Its format is 15 x 11 cm (5.9 x 4.3 in.) and the example seen here is number 24/30.
The latest example of "La Via del Sangue" to surface at auction was part of the 1-250 series. It was sold at Finarte / Minerva Auctions on 14 December 2016 for € 3,000.


Why choose “La Via del Sangue” to start the Art & Time section? Because it is a weekly planner, albeit of a very peculiar sort, and as such it relates to time. During the aforementioned exhibition, Kounellis went to the gallery daily, struck a match and mounted it onto paper. 


The result is a booklet featuring seven burnt wood matches, each mounted onto a singed page annotated by the artist himself with a day of the week. The simple act of striking a match to mark each day of the week suggests a ritualized cultural or religious expression, even one of penitence. In this instance, Kounellis is indirectly invoking Apollo, known as the god of light and the sun, to whom the exhibition was dedicated.


Associated with Arte Povera since the 1960s, Jannis Kounellis investigated the alienation inherent in contemporary society, juxtaposing the materials of mass urban and industrial civilization with symbols and values of the pre-industrial world. Incorporating humble non-art materials such as cotton, wool, coal, grain sacks, glass bottles, meat hooks, fire, soot, smoke, bed-frames, doors, shelves, and clothing, Kounellis' work is a melodramatic mixture of installation, environment, performance, and theatrical show.

ITALIANO


Questo post inaugura una nuova sezione di 10e10.ch, dedicata all’Arte nel Tempo e al Tempo nell’Arte. L’accesso esclusivo all’archivio de La Salita, galleria romana di primo piano tra il 1957 e il 1998, mi permetterà di presentare le opere di alcuni artisti moderni e contemporanei che trattano il tema preferito di questo sito: il Tempo. Come si può immaginare, esse lo fanno in modo originale, insolito, a volte sconcertante. Si tratta di “segnatempo” che non ci si stanca mai di guardare, anche se in realtà non dicono che ora è.


Il libro d’artista intitolato “La Via del Sangue” ne fornisce un esempio perfetto. L’autore è il greco-italiano Jannis Kounellis, celebre esponente dell’Arte Povera, che lo creò in occasione della mostra dal titolo “Apollo”, organizzata da La Salita nel 1973. “La Via del Sangue” fu pubblicato da La salita e stampato dalla tipografia Nazareno Iori di Roma in 290 esemplari numerati: 250 in commercio, 30 fuori commercio e 10 prove d’artista firmate. Il libriccino si trovava all’interno di in una custodia di cartoncino sulla quale erano stampati il titolo e il nome dell’autore. Il formato è 15 x 11 cm. L’esemplare presentato in queste foto è il numero 24/30.
L'esemplare de "La Via del Sangue" apparso più recentemente sul mercato faceva parte della serie numerata da 1 a 250. È stato aggiudicato da Finarte / Minerva Auctions il 16 dicembre 2016 per 3.000 Euro.


Perché scegliere “La Via del Sangue” per aprire la sezione Art & Time? Perché si tratta di un agenda settimanale, sia pure di tipo molto particolare, e quindi è in rapporto con il tempo. Durante la mostra citata, Kounellis si recò tutti i giorni presso la Galleria, accese un fiammifero e lo attaccò sulla carta. Il risultato fu un libriccino con sette fiammiferi, ciascuno montato su una pagina bruciacchiata e annotata dall’artista con un giorno della settimana. Il semplice atto di accendere un fiammifero per contrassegnare ogni giorno della settimana suggerisce un’espressione culturale o religiosa ritualizzata, perfino di penitenza. In questo caso, Kounellis sembra invocare indirettamente Apollo, dio della luce e del sole, al quale è dedicata la mostra.


Esponente dell’Arte Povera dagli Anni 60, Jannis Kounellis ha indagato l’alienazione connessa alla società contemporanea, sovrapponendo i materiali della civiltà urbana e industriale di massa ai simboli e ai valori del mondo preindustriale. Caratterizzata dall’uso di materiali umili e non-artistici quali cotone, lana, carbone, sacchi di iuta, bottiglie di vetro, ganci da macellaio, fuoco, fuliggine, fumo, telai da letto, porte, scaffali e abiti, l’opera di Kounellis è una commistione melodrammatica di installazione, ambiente, performance e spettacolo teatrale.





venerdì 21 giugno 2019

Baselworld 2019 (5)

This is the fifth of a series of posts featuring the new models on display at the world’s biggest watch show.
  AEROWATCH

Lépine Hebdomas – The brand pays tribute to the era of 8-Days movements with a pocket watch that shows the beat of the balance wheel and the manually decorated bridge in yellow gold beneath the dial with sunburst finish and off-center subdials displaying the time, date and day.

FERDINAND BERTHOUD
Chronomètre FB 1LThe in-house tourbillon movement is combined with a new display of the age and phases of the moon. Available in two ten-piece limited editions, the new collection displays the moon phases by means of a large hand at 6 o’clock a patent-pending complication.

FREDERIQUE CONSTANT
Slimline 50-hours Power ReserveThe 40mm case hosts the 28th in-house movement of the brand’s collection. The new FC-723 automatic caliber adds the power reserve module to the FC-703 base. The indicator is displayed at 10 o’clock with a red sector indicating that it is time to put the watch on or wind it.

IKEPOD
DuopodTwenty-five years after its creation, Ikepod is back with the same cases and crown but with the dials revisited by watch designer Emmanuel Gueit. “Duo” hints to the two hands of a 42mm quartz timepiece that is technically simplified in the interests of practicality and affordability.

SWISS MILITARY
SM34079 ChronographThe 42.5mm case in stainless steel with PVD plating hosts a Ronda quartz movement and is waterproof up to 100 meters. The glass is in extra hardened K1 mineral crystal with sapphire coating. A vintage style leather strap is available instead of the stainless steel bracelet.


lunedì 17 giugno 2019

Vintage ads - Patek Philippe (1934)

ENGLISH (il testo italiano è sotto l'immagine)
"Patek, Philippe & Cie – Master watchmakers in Geneva since 1839 – In Paris at 20 Place Vendôme". Published by a French magazine, this ad features the newly introduced Ref. 130 chronograph, which stayed in production until 1960 and went on to become one of the most iconic and sought after Patek Philippe vintage timepieces. The one seen here features a fine and rare two tone dial.         
Do you like vintage watch ads? Visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking. You can also watch the video about the books and download a 20-page preview of Volume 1.
The vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO
“Patek, Philippe & Cie – Maestri orologiai a Ginevra dal 1839 – A Parigi in Place Vendôme 20”. Pubblicato da una rivista francese, questo annuncio presenta il cronografo Ref. 130, appena lanciato e destinato a rimanere in produzione fino al 1960, poi diventato uno dei Patek Philippe vintage più inconfondibili e ricercati. L’esemplare illustrato ha un bellissimo e raro quadrante a due toni.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento. Puoi anche guardare il video sull'opera e scaricare l'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non appaiono nei volumi Watch Ads.


giovedì 13 giugno 2019

Memories from Dachau

ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina)
Part of the interest of old watches frequently lies in the memories they bring with them. In this case, everything is about memory. The two timepieces featured in this post are on display at the Dachau Concentration Camp Memorial Site. Opened in 1933, only a few months after Adolf Hitler took power, Dachau was the first Nazi Germany’s concentration camp. At first it housed political prisoners and later on evolved into a death camp where tens of thousands of Jews, physically and mentally handicapped, homosexuals died from malnutrition, disease and overwork, or were executed.
I took these pictures in the “shunt room”, the place were new inmates were ordered to strip down and hand over their clothing and personal effects. Some of these objects were retrieved and are now on display.


The wristwatch belonged to Albert Frohn, a German driver and mechanic who was arrested for unknown reasons in 1944 and sent to Dachau. He survived the ordeal and was liberated as the American troops entered the camp on April 29, 1945.


The pocket watch belonged to Nikolai Owsjanikov, a Soviet railroad worker who was deported to Germany to perform slave labor. He spent a month in Dachau before being transferred to a nearby subcamp, where preparatory excavation works of a railway tunnel were underway. His fate is unknown.
I must confess that I know nothing about these two watches’ manufacturers and technical features. In fact, these were the last things on my mind while I stood in front of the glass showcase.

ITALIANO
Una parte del fascino degli orologi d’epoca risiede spesso nel ricordi che essi portano con sé. In questo caso, la memoria è tutto. I due segnatempo illustrati in questo post sono esposti presso il Sito della Memoria nel Campo di Concentramento di Dachau. Inaugurato nel 1933, a pochi mesi dall’ascesa di Adolf Hitler al potere, Dachau fu il primo Campo di Concentramento della Germania nazista. In un primo tempo ospitava solo prigionieri politici; poi diventò un campo di sterminio nel quale decine di migliaia di ebrei, disabili fisici e mentali, omosessuali morirono di fame, malattie e sfinimento o furono giustiziati.
Ho scattato queste foto nel “locale di smistamento”, dove i nuovi arrivati erano costretti a spogliarsi e consegnare gli abiti insieme con gli effetti personali. Alcuni di questi oggetti sono stati recuperati e ora fanno parte della mostra.
L’orologio da polso apparteneva ad Albert Frohn, un autista e meccanico tedesco arrestato per ragioni sconosciute nel 1944 e inviato a Dachau. Riuscì a sopravvivere e ritrovò la libertà quando le truppe americane entrarono nel campo il 29 aprile del 1945. L’orologio da tasca era di Nikolai Owsjanikov, un operaio sovietico delle ferrovie deportato in Germania per lavorare. Trascorse un mese a Dachau prima di essere trasferito in un campo vicino, dove erano in corso gli scavi di un tunnel ferroviario. Il suo destino è sconosciuto.
Devo confessare che non so nulla dei fabbricanti e della caratteristiche tecniche dei due orologi. A dire la verità, era a tutt’altro che pensavo mentre mi trovavo davanti alla vetrina.


domenica 9 giugno 2019

Le letture per chi non si accontenta del web - Lancette & C.

ITALIANO Un secolo di orologi da polso - La storia, la tecnica il design. Clicca qui per saperne di più.
ENGLISH A century of wristwatches - History, technology, design. Click here to learn more. Both the video clip and the book are in Italian only.

 
 

giovedì 6 giugno 2019

D-Day - The 75th Anniversary

6 June 1944 - 6 June 2019
"They fought for our freedom. We're still free, so they're still alive." (Wingwatch, Chapter 31).
Click here to read about some of those who took part in one of the deciding battles of WWII.


D-DAY - IL 75. ANNIVERSARIO
6 giugno 1944 - 6 giugno 2019
"Hanno combattuto per la nostra libertà. Noi siamo ancora liberi, dunque loro sono ancora vivi." (L'orologio con le ali, Capitolo 31).
Clicca qui per leggere le storie di alcuni di coloro che parteciparono a una delle battaglie decisive della Seconda Guerra Mondiale.



mercoledì 5 giugno 2019

Vintage timepieces - Eterna-Matic Centenaire (late 1950s)


ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina)
The Eterna-Matic Centenaire was launched in 1956 to celebrate the hundredth anniversary of the Grenchen firm. It featured a few improvements on the self-winding movement that had introduced the low friction and rugged mounting of the rotor on five ball bearings. The double click wheel of the original patent (1948) was replaced by two thin click wheels side by side that increased transmission capability and allowed for a considerable reduction in movement height. The new caliber was also one of the first fitted with the recently introduced screwless balance. The Centenaire model was available both in the official certified chronometer and standard versions.


Functions Hours, minutes, seconds.
Size Diameter 34 mm, thickness 8 mm.
Case Stainless steel, snap-on back.
Movement Calibre 1429U, self-winding, diameter 29 mm, thickness 4.5 mm, 21 jewels, rotor winding in both directions, monometallic screwless balance, flat hairpsring, shock absorber, 18,000 vibrations per hour.

 
ITALIANO
L'Eterna-Matic Centenaire fu lanciato nel 1956 per celebrare il 100esimo anniversario della Casa di Grenchen. Il movimento presentava alcuni miglioramenti rispetto al calibro automatico che aveva introdotto il montaggio della massa oscillante su cinque cuscinetti a sfera, caratterizzato dalla robustezza e dall'attrito particolarmente ridotto. L'invertitore a doppia ruota del brevetto originale fu sostituito da due sottili ruote d'inversione situate una a fianco dell'altra, che migliorarono la qualità della trasmissione e consentirono una notevole riduzione dello spessore. Il nuovo movimento fu anche uno dei primi equipaggiati con il bilanciere senza viti, introdotto di recente. Il Centenaire era disponibile sia con certificazione cronometrica sia nella versione standard.

"The thinnest self-winding watch in the world!" 
"L'orologio automatico più sottile del mondo!" 

Funzioni Ore, minuti, secondi. 
Misure Diametro 34 mm, spessore 8 mm.
Cassa Acciaio, fondo chiuso a pressione. 
Movimento Calibro 1429U, automatico, diametro 29 mm, spessore 4,5 mm, 21 rubini, rotore a carica bidirezionale, bilanciere monometallico senza viti, spirale piana, dispositivo antiurti, 18.000 alternanze/ora.


 

venerdì 31 maggio 2019

Vintage ambassadors - Bartali & Coppi (1950)

ENGLISH (il testo italiano è sotto l'immagine) 
"Breitling won a smile from the two Campionissimi Bartali and Coppi". As the official timekeeper of major cycling races in the early 1950s, Breitling was well placed to sign partnership deals with the top riders of the time – the Italian Gino Bartali and Fausto Coppi. “Use Breitling to time events!” recommended the message signed by Bartali. Coppi wrote, “The Breitling chronograph is truly perfect”. In 1950, the company manufactured a few timepieces featuring the Giro d’Italia or Tour de France wordings on the dial.       
Do you like vintage watch ads? Visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking. You can also watch the video about the books and download a 20-page preview of Volume 1.
The vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.

ITALIANO 
“Breitling ha conquistato il sorriso dei due Campionissimi Bartali e Coppi”. In quanto cronometrista ufficiale di grandi gare ciclistiche nei primi Anni 50, Breitling si trovava in posizione avvantaggiata per concludere accordi di collaborazione con i numeri 1 dell’epoca, gli italiani Gino Bartali e Fausto Coppi. “Cronometrate Breitling!”, raccomanda il messaggio firmato da Bartali. Gli fa eco Coppi: “Il cronografo Breitling è veramente perfetto”. Nel 1950, la Casa produsse una serie di orologi con la scritta Giro d’Italia o Tour de France sul quadrante.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento. Puoi anche guardare il video sull'opera e scaricare l'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non appaiono nei volumi Watch Ads.


 

sabato 25 maggio 2019

Storia - Il trionfo del cronografo

Video: come e quando è nato un fenomeno commerciale e industriale unico nella storia dell'orologio da polso

mercoledì 22 maggio 2019

La statua e l'orologio


Tra i passeggeri in attesa del tram presso una fermata del centro di Ginevra c’è questo signore elegante e silenzioso, che tollera con pazienza gli eventuali ritardi e l’oltraggio dei vandali che gli imbrattano il bavero della giacca. Ha nervi d’acciaio, anzi di bronzo come tutto il resto: il cappello, gli occhiali, la giacca, la cravatta, i pantaloni, le scarpe…


... e l'orologio. Pensavo si trattasse di qualcosa di generico, mentre mi avvicinavo per guardare meglio. Invece avevo sottovalutato lo scultore e la sua attenzione per il dettaglio. L'orologio è il riconoscibilissimo Royal Oak di Audemars Piguet. Inaudito: una creatura della Vallée de Joux celebrata a casa di Patek Philippe, Rolex e Vacheron Constantin!
Scherzi a parte, la statua - una delle tre esposte presso la fermata di Plainpalais, tutte create da Gérald Ducimitière e inaugurate nel 1982 - si ispira a un personaggio reale quanto l'orologio che - evidentemente - amava indossare: André L'Huillier, importante collezionista ginevrino e mecenate d'artisti, scomparso nel 1998.