giovedì 31 gennaio 2019

Vintage watches - Jean Lassale Automatic (1970s)



ENGLISH 
This white gold model goes back to the early years of Jean Lassale, when the self-winding version of their in-house movement, well known to watch lovers as the world's thinnest, was not available yet. The Geneva brand established by Jean Bouchet-Lassale in 1973 found the movement supplier it needed in Frédéric Piguet, a prestigious manufacturer from the Vallée de Joux specializing in thin calibers. The oval case and dial without numerals are typical of dress watches designed in the 1970s. 
Functions Hours, minutes. 
Size Diameter 19 x 33 mm, thickness 5 mm. 
Case 18ct white gold, snap-on back. 
Movement Caliber Frédéric Piguet 71P, 27.4 mm, 35 jewels, adjusted in five positions, self-winding, off-center rotor winding in one direction, screwless Glucydur balance, flat hairspring, Kif shock resistance, 18,000 vibrations per hour.


ITALIANO
Questo modello d'oro bianco risale ai primi anni di Jean Lassale, quando non era ancora disponibile la versione automatica del movimento di manifattura, ben noto agli appassionati come il più sottile di sempre. La Casa ginevrina fondata nel 1973 da Jean Bouchet-Lassale trovò il fornitore di cui necessitava in Frédéric Piguet, prestigioso fabbricante della Vallée de Joux specializzato nei calibri sottili. La cassa ovale e il quadrante privo di indici sono tipici degli orologi eleganti disegnati negli Anni 70. 
Funzioni Ore, minuti. 
Misure Diametro 19 x 33 mm, spessore 5 mm. 
Cassa Oro bianco 18ct, fondo chiuso a pressione
Movimento Calibro Frédéric Piguet 71P, 27,4 mm, 35 rubini, regolato su cinque posizioni, automatico, rotore decentrato a carica unidirezionale, bilanciere Glucydur senza viti, spirale piana, antiurto Kif, 18.000 alternanze/ora.

 

sabato 26 gennaio 2019

Vintage ads - Record (1952)

ENGLISH
"Stylish design – Accurate movement – The attributes of a leading brand ". At the time of this ad, Record designed and produced its own movements. The manufacturer’s imposing facility and three timepieces are shown here. The best known among vintage watch lovers is the triple date with Moon phase seen on the left: called Datofix, it was equipped with Caliber 107C.     
Do you like vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking. You can also watch the video about the publication and download a 20-page preview of Volume 1.
The vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO
“Eleganza dello stile – Precisione del movimento – Le qualità di una grande marca”. All’epoca di questo annuncio, Record produceva i movimenti dei suoi orologi. Qui sono illustrati l’imponente fabbrica del costruttore e tre modelli. Il più apprezzato dagli amanti del vintage è il calendario completo con fasi lunari visibile sulla sinistra: battezzato Datofix, era equipaggiato con il Calibro 107C.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento. Puoi anche guardare il video sull'opera e scaricare l'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


martedì 22 gennaio 2019

SIHH 2019 (1)

This is the first of a series of posts featuring a few pieces seen this year in Geneva at the Salon International de la Haute Horlogerie, the year’s first watch show.

A. LANGE & SÖHNE

Zeitwerk Date – Ten years after the launch of the brand’s mechanical digital watch with constant-force escapement, a glass ring date is added showing the current date in red.

Datograph Perpetual Tourbillon - The combination of a flyback chronograph, a perpetual calendar with moonphases, a tourbillon with stop seconds, and a power-reserve indicator presents itself in white gold with a pink gold dial.

AUDEMARS PIGUET

Royal Oak Offshore – This 44 mm chronograph combines ceramic bezel, pushpieces and screw-locked crown, “Mega-Tapisserie” dial, robust rubber strap and water resistance to 100 m.

Royal Oak Frosted Gold – A limited series of 200 self-winding chronographs featuring frosted 18-carat white gold case and bracelet, as well as a deep purple “Grande Tapisserie” dial.

BAUME & MERCIER
Clifton Baumatic Perpetual Calendar – This model combining the Baumatic self-winding movement with a perpetual calendar module features a five-day power reserve and only requires maintenance service once every seven years.
Clifton Baumatic COSC – The COSC-certified Baumatic movement is fitted in a 40 mm steel case. The latter is equipped with a five-row steel bracelet featuring a triple folding clasp.


giovedì 17 gennaio 2019

Vintage timepieces - Jaeger-LeCoultre (1940s)


ENGLISH
This Jaeger-LeCoultre timepiece dates back to the Golden Age of Triple Date watches - the post-war years. It is fitted with the same movement - Caliber 451 - that also equipped the Vacheron & Constantin models.


Functions Hours, minutes, small seconds, date, day, month.
Size Diameter 35 mm,  thickness 11 mm.
Case 18k gold, snap-on back, corrector push pieces on the case middle.
Movement Calibre 451, manual winding, 28.8 mm, 17 jewels, Glucydur screw balance, flat hairspring, shock absorber, 18,000 vibrations per hour.


ITALIANO
Questo esemplare Jaeger-LeCoultre risale all'epoca d'oro degli orologi "tripla data", gli anni del dopoguerra. Al suo interno, lo stesso movimento - Calibro 451 - che equipaggiava anche i modelli Vacheron & Constantin.


Funzioni Ore, minuti, piccoli secondi, data, giorno, mese.
Dimensioni Diametro 35 mm, spessore 11 mm.
Cassa Oro 18k, fondo chiuso a pressione, pulsanti correttori sulla carrure.
Movimento Calibro 451, carica manuale, 28,8 mm, 17 rubini, bilanciere Glucydur a viti, spirale piana, dispositivo antiurto, 18.000 alternanze/ora.


lunedì 7 gennaio 2019

Pugili

Il mio romanzo preferito degli ultimi tempi non è un romanzo. Si intitola “The Good Son” ed è la biografia di Ray “Boom Boom” Mancini. Premesso, per chi non lo sappia, che Mancini era un pugile americano dei primi Anni 80, la ragione per cui ho trovato la sua storia più appassionante di un romanzo è che nemmeno l’autore più spregiudicato oserebbe condensare tutti gli ingredienti della fiction popolare in una sola trama. Violenza, coraggio, ambizione, sacrificio, speranza, riscatto, amore, trionfo, declino, tragedia. Soprattutto tragedia. Il nome di Mancini è legato a un evento che varcò i confini dello sport: la morte del coreano Kim Duk Koo, nel 1982, dopo il KO subito da “Boom Boom”. Quell’episodio ha segnato profondamente l’opinione pubblica americana (si parlò a lungo di abolizione della boxe), la famiglia di Kim (la madre suicida, il figlio orfano prima ancora di nascere), l’arbitro del match (un altro suicidio, così disse l’esito dell’inchiesta) e naturalmente Mancini, che dopo quel dramma non è più stato lo stesso. Di questo e altro si parla nel libro e nel film-documentario che ne è stato tratto. Quest’ultimo si chiude con le immagini struggenti dell’incontro fra Ray e i familiari di Kim.
Per me è la quarta lettura di boxe in due anni. I protagonisti di questo mondo non possono lasciare indifferenti perché la loro è una vita al limite. La caccia alla gloria, alla ricchezza o semplicemente a un futuro migliore passa attraverso esperienze di dolore e paura sconosciute agli atleti delle altre discipline, in un ambiente che sa essere perfino più spietato del ring.



Che i pugili siano personaggi a parte l’ho sperimentato anche nella mia unica intervista a uno di loro. Nell’aprile del 1993, inviato del Guerin Sportivo, andai a trovare Giovanni Parisi mentre preparava la difesa del titolo mondiale contro un pugile inglese. Con me c’era Beppe Briguglio, fuoriclasse del ritratto fotografico e autore delle immagini che vedete qui sopra. Non sapevo cosa aspettarmi, ma ci volle poco per capire che passavo dal brodino insipido alla bistecca al sangue, dalle dichiarazioni stereotipate di tanti calciatori a una Testimonianza con la T maiuscola. Molto di quanto disse riguardava gli eventi di quei mesi, roba che al lettore di oggi non interessa ma in quel periodo scottava: la politica organizzativa, gli intrallazzi di un mondo infido.
Quando ho riletto quelle pagine, ci ho trovato anche una frase che merita di essere riportata perché spiega in parte cosa significa essere pugile. “Da due mesi e mezzo faccio sei ore di allenamento al giorno. Flessioni, piegamenti, pesi, prove di resistenza e velocità, jogging, scatti sulla pista d’atletica, lavoro con i guantoni. Tutto questo, mangiando un’insalata poco condita a pranzo e un passato di verdura a cena. La notte dormo pochissimo perché la fame tiene svegli. Inviterei chiunque a seguire questo regime. Non per ottanta giorni come me. Ne bastano due. Potrebbe essere un’esperienza interessante”. Scrivendo che il racconto spiega “in parte” la vita di un pugile, intendevo dire che questa è la componente meno sgradevole. L’altra è fatta di colpi incassati al fegato, al cuore, alle tempie, agli zigomi, al mento. Anche in allenamento. Per chiarire, prendo in prestito un brano della biografia di Mancini. A parlare è il suo manager: “… Il difficile era trovare gli sparring partner. Offrivamo un compenso onesto, ma quasi nessuno lo trovava sufficiente per pisciare sangue il giorno dopo”.
Due anni dopo l’intervista, Parisi ebbe la chance di incontrare il grande Julio César Chavez in un match che, in caso di vittoria, ne avrebbe fatto una stella. Al mio direttore dell’epoca la boxe non interessava, così rinunciai a proporre di essere inviato a Las Vegas e presi quattro giorni di ferie per andarci a mie spese. Il giorno della partenza avevo 39.5 di febbre. Niente viaggio, persi i soldi della prenotazione e vidi il match dal letto, in TV. Parisi fu sconfitto con onore.
Da allora l’ho seguito da lontano fino al termine della carriera, sulla soglia dei 40 anni. Nel 2009, il pugno da KO per i familiari, gli amici, i tanti ammiratori: la morte in un incidente stradale a Voghera.
Purtroppo le storie di boxe hanno un difetto ricorrente. Non c’è la garanzia del lieto fine.