sabato 23 febbraio 2019

Vintage timepieces - Patek Philippe (1970s)



ENGLISH
This Reference 3585 dating back to the mid-1970s is fitted with Caliber 350, a movement developed a few years earlier by Patek Philippe to meet the demand for thinner self-winding watches. Its design drew inspiration from the Caliber 65 "Fontomatic" by the raw movement manufacturer FHF, that featured a half-ring rotor mounted on a large toothed arc rather than a central rotor mounted on an arbor - see picture below the Italian text. The watches fitted with Caliber 350 are easily recognized, since the winding crown is on the case back. This movement proved somewhat delicate and in 1979 was replaced by Caliber 1-350, that featured a 18kt gold half-ring rotor and only wound in one direction. Its is worth noting that Patek Philippe used no less than three different automatic movements when the 1976 catalog came out: the Calibers 27-460, 28-255 and 350. Two of them are mentioned on the page shown at the bottom of this post.


Functions: Hours, minutes, seconds.
Size: 34 x 36 mm, thickness 7 mm.
Case: 18kt gold, snap-on back.
Movement: Caliber 350, self-winding, 28 mm, thickness 3.5 mm, 28 jewels, rotor winding in both directions, Gyromax balance, Breguet hairspring, shock absorber, adjusted to temperatures and five positions, 21,600 vibrations per hour.




ITALIANO
Questa Referenza 3585 degli Anni 70 è equipaggiata con il Calibro 350, movimento sviluppato qualche tempo prima da Patek Philippe per andare incontro alla domanda di orologi automatici più sottili. La sua costruzione si ispirava al Calibro 65 "Fontomatic" di FHF, fabbricante del Gruppo Ebauches, che utilizzava un rotore a semianello montato su un ampio arco dentato invece del classico rotore centrale montato su un albero (foto sotto). Gli orologi con il Calibro 350 si riconoscono facilmente perché la corona di carica si trova sul fondo della cassa. Questo movimento si dimostrò abbastanza delicato e nel 1979 fu sostituito dal Calibro 1-350, nel quale il semianello è d'oro 18 carati e carica in una sola direzione. Va notato che Patek Philippe utilizzava non meno di tre movimenti automatici diversi quando uscì il catalogo del 1976: i Calibri 27-460, 28-255 e 350. Due di essi sono citati nella pagina riprodotta alla fine di questo post.


Funzioni: Ore, minuti, secondi. 
Dimensioni: 34 x 36 mm, spessore 7 mm.
Cassa: Oro 18 carati, fondo chiuso a pressione. 
Movimento: Calibro 350, automatico, 28 mm, spessore 3,5 mm, 28 rubini, rotore a carica bidirezionale, bilanciere Gyromax, spirale Breguet, dispositivo antiurto, regolato alle temperature e su cinque posizioni, 21.600 alternanze/ora.



 

martedì 19 febbraio 2019

SIHH 2019 (3)

This is the third of a series of posts featuring a few pieces seen this year in Geneva at the Salon International de la Haute Horlogerie, the year’s first watch show.

GREUBEL FORSEY

Art Piece Edition Historique – The 44 mm case houses a double tourbillon 30° and an offset hours/minutes subdial in the shape of a titanium dome featuring a hand-punched background.

Balancier ContemporainThis white gold 33-piece limited edition features a 39.6 mm case that provides a particularly compact showcase for the brand’s exclusive balance wheel system.

HERMES

Arceau Awooooo – The enamel-painted dial features a wolf howling at the moon against a star-studded backdrop. Fitted with a matt graphite alligator strap, the white gold case houses an in-house movement.

L’Heure de la Lune – This timepiece offers the simultaneous display of moon phases in both northern and southern hemispheres. Two mobile counters gravitate on a meteorite or aventurine dial.

JAEGER-LeCOULTRE

Master Ultra-Thin Moon Enamel – The hand-guilloché blue enamel dial features new hour markers, polished moon and engraved counter. The automatic movement has a 70-hour power reserve.

Master Ultra-Thin Perpetual Enamel – The reimagining of the Caliber 868 led to a new display of the perpetual calendar that simultaneously indicates the moon in both the Northern and Southern hemispheres.

 

venerdì 15 febbraio 2019

Vintage Press - Journal Suisse d'Horlogerie (1956)



ENGLISH (il testo italiano è in basso)
As the cover of this 1956 issue of the Swiss Watchmaking Magazine suggests, the main feature dealt with the rating certificates issued by the Swiss official testing agencies.


Its purpose was to inform retailers and their staff about the testing procedures and the meaning of their results, so that they could pass on these explanations to customers.


The report on the “Montres et Bijoux” exhibition held in Geneva features a number of jewelry watches for ladies – such timepieces played a crucial role in the industry’s turnover.


In view of the upcoming Christmas gifts season, the magazine offered a few tips to shopkeepers on how to decorate their shop windows and make them attractive to passers-by.

ITALIANO 
Come fa intuire la copertina di questo Journal Suisse d’Horlogerie del 1956, la sezione principale trattava i certificati di precisione rilasciati dalle agenzie svizzere di controllo ufficiali. Lo scopo era informare i commercianti e il loro personale di vendita sulle procedure di controllo e sul significato dei loro risultati, affinché potessero trasmettere queste spiegazioni ai clienti.
Il servizio sulla recente mostra “Montres et Bijoux” di Ginevra presentava numerosi orologi gioiello per signora: questi prodotti avevano un ruolo fondamentale nel fatturato dei fabbricanti.
In vista dell’imminente stagione dei regali natalizi, la rivista offriva qualche consiglio ai rivenditori su come allestire le vetrine per renderle più attraenti.


martedì 5 febbraio 2019

SIHH 2019 (2)

This is the second of a series of posts featuring a few pieces seen this year in Geneva at the Salon International de la Haute Horlogerie, the year’s first watch show.

BOVET 1822

Récital 21 – This retrograde perpetual calendar features the signature “writing slope” case, the simultaneous adjustment of the indications, and is available in titanium as well as pink gold.
Virtuoso IXThe double time zone, 10-day power reserve, big date and flying tourbillon functions are fitted in the 46.3 mm Amadéo case that transforms the timepiece into a reversible wristwatch, a pocket watch or a table clock.

CARTIER

Privé – The skeleton dual time zone tonneau watch features a skeletonized curved movement. The second time zone is set by pressing on the crown at 4 o’clock and by one-hour jumps.

Santos – This yellow gold and steel Santos de Cartier Skeleton watch is fitted with the manual wind caliber 9612 MC and offers the option of interchangeable QuickSwitch straps.

GIRARD-PERREGAUX
Bridges Cosmos – Two complete globes – celestial and terrestrial – and a tourbillon are seen on the dial of a timepiece featuring a sky chart and world time complications.

Laureato Absolute – The 44 mm case made of black PVD-treated titanium is water resistant to 300 metres and is fitted with a fully integrated rubber strap.

 

venerdì 1 febbraio 2019

Il meglio di gennaio

Uno sguardo alternativo sulla cronaca 😉
30.1.2019
FAN INVADENTI


“Andate via o chiamo gli agenti della sicurezza!”: ecco il momento in cui i parlamentari a bordo del gommone si sono accorti di aver sbagliato nave.


24.1.2019
PRINCIPE DEL VOLANTE


La Ferrari ha già scelto la prima guida per il Mondiale 2020. “È più esperto di Vettel”, ha spiegato un portavoce di Maranello, “e fa meno errori”. Nella foto, il saluto del campione ai tifosi.


22.1.2019
ARMA LETALE
Le dichiarazioni di Di Maio sulla "valuta coloniale" appaiono prive di fondamento. Se i francesi volessero davvero bloccare lo sviluppo di quei Paesi africani, l costringerebbero a usare l'Euro.


17.1.2019
DENOMINAZIONE D'ORIGINE CONTROLLATA
Si indaga sulla morte dei germogli piantati dai cinesi sulla Luna. Pare che all’origine del contrattempo ci siano i materiali usati dall’ente spaziale. Al posto del cotone, il fornitore gli avrebbe venduto poliestere di seconda scelta.


11.1.2019
J'ACCUSE
La Ministra francese delle Pari Opportunità insiste e formula accuse circostanziate sulle ingerenze italiane negli affari interni di Parigi. Sarebbero arrivati dalla Penisola gli smartphone che consentirono ai
Gilets Jaunes di organizzare la loro prima manifestazione: quella del 14 luglio 1789 davanti alla Bastiglia.

10.1.2019 
LA GRANDE MURAGLIA


Dopo il no dei Democratici al cemento e all’acciaio, Donald Trump starebbe pensando a una soluzione alternativa per il muro al confine con il Messico: più economica ma altrettanto efficace.

8.1.2019
TEMPI MODERNI
La corsa delle donne saudite verso l’emancipazione è inarrestabile. Dopo il diritto alla patente di guida, ecco quello di essere informate via sms quando il marito le ripudia. Secondo indiscrezioni, la prossima riforma offrirà garanzie ancora più importanti nell'ambito del matrimonio. Chi vorrà acquistarne una moglie potrà farlo solo online con un account certificato.


3.1.2019
COLPO DI SCENA
“Meglio atei che cristiani ipocriti”, ammonisce il Papa. Da un giorno all'altro, quelli che lottavano per non retrocedere (all'Inferno) si ritrovano proiettati in zona Champions League.