martedì 30 luglio 2019

Vintage Press - La Suisse Horlogère (1962)


ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina)
La Suisse Horlogère was a quarterly trade magazine that usually devoted each issue to a single subject. The last issue of 1962 dealt with the different levels of testing adopted by the Swiss watchmaking industry.

The newly introduced technical control of watches met the demand for an institutional measure meant to protect the reputation of the national industry. An official body was charged to select some watches and movements destined for export and to carry out an inspection in order to ensure that they met certain technical standards. Made compulsory for all Swiss manufacturers in January 1962, this control affected less than 1% of watches.


The testing at the Swiss Observatories of Geneva and Neuchâtel (on the left in the photo above) was related to the precision competitions held by the two institutions. The top brands and watchmakers took part in such events with specially made and adjusted movements, and turned them into celebrations of the Swiss industry, as well as into excellent marketing tools.


The official Swiss testing agencies had a very different task, in that no direct competition between manufacturers was involved. The submitted pieces that met the guidelines set by the agencies were issued precision certificates and could be marketed as “chronometers”.

The final section of the magazine features a few recent products, among which the self-winding divers’ watch by Longines fitted with the Super Compressor case. Unfortunately, a gross error is found in the caption, which mentions Léonidas Watch as the manufacturer!

ITALIANO
La Suisse Horlogère era una rivista specializzata trimestrale che generalmente dedicava ciascuna uscita a un argomento unico. L’ultimo numero del 1962 trattava i diversi livelli di controllo adottati dall’industria orologiera svizzera.
Appena entratro in vigore, il controllo tecnico degli orologi (seconda foto dall’alto) soddisfava la richiesta di una misura istituzionale finalizzata a proteggere la reputazione dell’industria nazionale. Un organo ufficiale fu incaricato di selezionare un campione di orologi e movimenti destinati all’esportazione e di analizzarne la compatibilità con determinati requisiti tecnici. Obbligatorio per tutti i fabbricanti svizzeri a partire dal gennaio del 1962, il controllo riguardava meno dell’1% dei prodotti.
I test condotti presso gli Osservatori di Ginevra e Neuchâtel (pagina di sinistra nella terza foto dall’alto) si riferivano ai concorsi di precisione organizzati dai due istituti. Alle competizioni partecipavano le marche e gli orologiai più importanti, che presentavano movimenti costruiti e regolati individualmente. Queste celebrazioni pubbliche dell’industria svizzera fungevano anche da formidabie strumento promozionale.
Le agenzie ufficiali svizzere avevano un compito molto diverso, nel senso che non c’era competizione diretta tra i fabbricanti (quarta foto dall’alto). I pezzi che rimanevano entro i margini di errore fissati dal regolamento ricevevano un certificato di precisione e potevano essere commercializzati con la denominazione di “cronometrri”.
L’ultima parte della rivista presenta le novità del momento, tra le quali l’automatico subacqueo di Longines con cassa Super Compressor (ultima foto dall’alto). Purtroppo, la didascalia contiene un errore grossolano: la creazione dell’orologio è attribuita a Léonidas Watch!


mercoledì 24 luglio 2019

Vintage watches - Zodiac Olympos (1960s)

 
A distinctive model of the early 1960s
Check out our YouTube channel for more video clips about vintage watches and subscribe if you haven't already!

Un modello emblematico dei primi Anni 60
Visita il nostro canale YouTube per guardare altri video sugli orologi vintage e iscriviti se non l'hai già fatto!


sabato 20 luglio 2019

Vintage Celebrities - Louis Armstrong (1956)

ENGLISH
In 1956, Louis Armstrong and his band successfully toured Switzerland. His fans of the Hot Club from Neuchâtel gifted him with a gold self-winding timepiece by Ernest Borel. The great American trumpeter, composer and vocalist is seen here fastening the watch to his wrist.



ITALIANO
Nel 1956 Louis Armstrong e il suo gruppo effettuarono una tournée di successo in Svizzera. I suoi fan dell’Hot Club di Neuchâtel gli fecero dono di un automatico d’oro firmato Ernest Borel. Nella foto, il grande trombettista, compositore e cantante americano si allaccia l’orologio al polso.

  

martedì 16 luglio 2019

Vintage ads - Eterna (1980)

ENGLISH (il testo italiano è sotto l'immagine)
"The difference Sophisticated quartz electronics, incredibly miniaturized movements – today, Eterna watch technology ranks second to none. To prove it, a handful of world records". Thanks to its movement suppliers ETA and Ebauches SA, Eterna could market the world’s thinnest quartz watches starting in 1979, along with Concord and Longines. The 1.98 mm Quartz, seen at the bottom left of this 1980 ad, was soon joined by the Royal Quartz KonTiki, water-resistant to 100 m and fitted with calendar, and the Estrellita Quartz, “the most compact ladies’ quartz watch made”.
Do you like vintage watch ads? Visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking. You can also watch the video about the books and download a 20-page preview of Volume 1.
The vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO  
“La differenza Sofisticata elettronica al quarzo, movimenti incredibilmente miniaturizzati – oggi la tecnologia orologiera Eterna non è seconda a nessun’altra. Lo prova una serie di record mondiali”. Grazie ai suoi fornitori di movimenti ETA e Ebauches SA, a partire dal 1979 Eterna fu in grado di commercializzare gli orologi al quarzo più sottili del mondo, insieme con Concord e Longines. Al modello Quartz da 1,98 mm, visibile in basso a sinistra nell’immagine, si aggiunsero rapidamente il Royal Quartz KonTiki, impermeabile a 100 m e provvisto di datario, e l’Estrellita Quartz, “l’orologio al quarzo per signora più piccolo sul mercato”.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento. Puoi anche guardare il video sull'opera e scaricare l'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non appaiono nei volumi Watch Ads.


 

venerdì 12 luglio 2019

Vintage gadgets - Rolex (1960s-1970s)



ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina)
A few customized pens made for Rolex in the 1960s and 1970s.


The wording on the black and silver model reminds us that Rolex Bienne – the company that manufactured Rolex movements – was a separate entity from Rolex Geneva, and that until 2004.

The green ballpoint seen at the top of the picture bears the manufacturer’s signature hidden beneath the clip – Caran d’Ache, the famous company based in Geneva like Rolex itself.


A mechanical pencil inside its original box. 

ITALIANO
Alcune penne personalizzate create per Rolex tra gli Anni 60 e 70.
L’iscrizione sul modello di colore nero e argento ci ricorda che Rolex Bienne – fabbricante dei movimenti per la Casa – era un’entità separata da Rolex Ginevra, e questo fino al 2004.
La penna a sfera verde visibile nella parte superiore delle terza foto dall’alto porta la firma del fabbricante nascosta sotto il fermaglio: Caran d’Ache, la celebre Casa con sede a Ginevra come la stessa Rolex.
Quarta foto dall’alto: un portamine all’interno dell’astuccio originale.


martedì 9 luglio 2019

The must-reads for watch lovers - The Museum Collection

100 milestones of 20th Century watchmaking - Volume 1 of the Watch Books series. Click here for more details on the contents. 

Page count: 364, full color. 
Binding Type: paperback. 
Trim Size: 8.5" x 11". 
Languages: English and Italian. 
Price: $ 99.
ISBN: 978-88-941704-0-5. 
Click here to download and display the 20-page preview file.  
Click here to order the book.

Le letture per chi non si accontenta del web - The Museum Collection

100 pietre miliari dell'orologeria del Novecento - Volume 1 della collezione Watch Books. Clicca qui per i dettagli sui contenuti.

Pagine: 364 a colori.  
Rilegatura: brossura. 
Dimensioni: cm 21,59 x 27,94.  
Lingue: italiano e inglese.
Prezzo: $ 99.
ISBN: 978-88-941704-0-5.
Clicca qui per scaricare a visualizzare le prime 20 pagine (formato PDF).
Clicca qui per ordinare il libro.

venerdì 5 luglio 2019

Vintage timepieces - Universal Genève (1930s)


ENGLISH (il testo italiano è più in basso)
An eighty-year old watch in excellent condition whose main feature is the Art Déco dial with blued hands. The pictures 3 and 4 refer respectively to the anti-dust cap and case back interiors, whereas the picture 5 features the anti-dust cap seen from the back. Original strap and buckle.

Functions Hours, minutes, seconds. 
Size Diameter 31 mm, thickness 7 mm.
Case 18k gold, snap-on back, metal anti-dust cap.
Movement Calibre 260, 23 mm, 17 jewels, bimetallic balance, flat hairspring, 18'000 vibrations per hour.

ITALIANO
Esemplare degli Anni 30 in condizioni eccellenti, la cui caratteristica più interessante è il quadrante Art Déco con lancette azzurrate. Le immagini 3 e 4 si riferiscono rispettivamente agli interni della calotta antipolvere e del fondo, mentre la 5 mostra la calotta antipolvere vista dal retro. Cinturino e fibbia originali.

Funzioni Ore, minuti, secondi.
Misure Diametro mm 31, spessore mm 7.
Cassa Oro 18k, fondo a pressione, calotta antipolvere in metallo. 
Movimento Calibro 260, 23 mm, 17 rubini, bilanciere bimetallico, spirale piana, 18.000 alternanze/ora.