3.10.17

Vintage ad - Patek Philippe


ENGLISH
"The highest awards since 1844 - Agents in all main cities". Published by the New York branch of the Geneva manufacturer, this 1934 ad features a few models with Art Deco dials and leaf-shaped hands, among which the recently introduced Ref. 96 Calatrava (in the center).
Do you like vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking.
Click here to display and download a 20-page preview of Volume 1.
Please note that the vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO
"I premi più prestigiosi dal 1844 - Agenti in tutte le città principali". Pubblicato dalla filiale newyorkese della Casa di Ginevra, questo annuncio del 1934 presenta alcuni modelli con quadrante Art Deco e lancette a foglia, tra i quali la recente Ref. 96 "Calatrava".
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento.
Clicca qui per visualizzare e scaricare un'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


 

20.9.17

Vintage ad - Vacheron Constantin

ENGLISH
"Who said that there is no such thing as perfection? - Epure by Vacheron Constantin". Ultra-thin and slightly curved, this elegant timepiece of the late 1970s was meant for both ladies and men.
Do you like vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking.
Click here to display and download a 20-page preview of Volume 1.
Please note that the vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO
"Chi ha detto che la perfezione non è di questo mondo? - Epure di Vacheron Constantin". Ultrapiatto e leggermente curvo, questo modello elegante lanciato alla fine degli Anni 70 si dirigeva sia al pubblico femminile sia a quello machile.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento.
Clicca qui per visualizzare e scaricare un'anteprima di 20 pagine del Volume 1.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


 

10.9.17

WATCH IS IT - The winner's prize!


ITALIANO (scroll down for the English text)
Questo splendido Eterna-Matic è
il primo premio del campionato Watch Is It!!
Questo è il premio destinato al concorrente che concluderà la competizione Watch Is It al primo posto della classifica: un orologio automatico degli Anni 70 arrivato fino a noi in condizioni quasi perfette, elegante e - in virtù della taglia generosa - adatto sia per il polso maschile sia per quello femminile.
STORIA. Questo Eterna-Matic risale alla metà degli Anni 70, quando la Casa cominciò a utilizzare movimenti ETA. I due fabbricanti avevano un rapporto stretto fin dalla creazione di ETA come fornitore di movimenti per Eterna. Anche dopo l'ingresso di ETA nel gruppo Ebauches SA, nel 1932, la collaborazione con Eterna continuò e si dimostrò preziosa negli Anni 50, quando i brevetti Eterna-Matic consentirono ad ETA di lanciare la produzione in serie di movimenti automatici su una scala mai vista prima. In seguito, Eterna abbandonò la fabbricazione dei movimenti di manifattura poiché i calibri ETA erano più economici e altrettanto affidabili. La versione con data di questo movimento fu usata in prodotti di gamma superiore come il Santos di Cartier.
All'epoca della produzione, il fondo cassa leggermente incurvato dava un aspetto vintage a questo segnatempo, ma il quadrante a raggi di sole e le lancette a bastone con inserto nero sono tipiche degli Anni 60 e 70.


SCHEDA TECNICA
Funzioni Ore, minuti.
Dimensioni 43 mm (comprese le anse) x 20 mm, spessore 8 mm.
Cassa Placcata oro, fondo d'acciaio chiuso a pressione.
Movimento Calibro ETA 2670, automatico, diametro 17,2 mm, spessore 4,8 mm, 25 rubini, rotore centrale a carica bidirezionale, bilanciere monometallico senza viti, spirale piana, dispositivo antiurti Incabloc, 28.800 alternanze/ora. 
Condizioni 9/10 (l'orologio è funzionante e preciso, ma si consiglia una revisione del movimento).
Note aggiuntive Corona di carica, fibbia, cinturino e scatola originali.


ENGLISH
This stunning Eterna-Matic is the first prize
of the Watch Is It contest!! 
This is the first prize of the Watch Is It contest - a self-winding watch of the 1970s in awesome condition, elegant and, thanks to its size, perfectly wearable for both men and women.   
HISTORY. This timepiece dates back to the mid-1970s, when Eterna started fitting ETA movements in its self-winding watches. The two companies were closely associated since the foundation of ETA as Eterna's own movement manufacturer. Though ETA joined the Ebauches SA holding in 1932, the collaboration with Eterna went on and proved a major asset in the 1950s - the Eterna-Matic patents enabling ETA to launch the mass production of self-winding calibers on a scale never seen before. Later on, Eterna discontinued the production of in-house movements, as the ETA calibers were cheaper and equally reliable. The date version of this movement is found in higher-end products such as the Santos by Cartier.
At the time of production, the slightly curved back gave a vintage look to this timepiece, but the sunray dial and square hands with black inserts are typical of the 1960s and 1970s.


DATASHEET
Functions Hours, minutes.
Size 43 mm (including the lugs) x 20 mm, thickness 8 mm.
Case Gold-plated, snap-on back in stainless steel.
Movement Caliber ETA 2670, diameter 17.2 mm, thickness 4.8 mm, 25 jewels, central rotor winding in both directions, monometallic screwless balance, flat hairspring, Incabloc shock absorber, 28,800 vibrations per hour. 
Overall condition report 9/10 (the watch is in running condition and keeps good time, but a movement's overhaul is recommended).
Additional remarks Original winding crown, buckle, strap and box.
 


4.9.17

Watch Is It - Test #1

Please scroll down for the English text.
Il primo test pre-campionato di Watch Is It, il torneo per gli amanti degli orologi vintage al quale possono partecipare tutti gli amici della mia pagina Facebook, sarà in linea domenica 10 settembre alle 14:00. Come annunciato in precedenza, non ci sono premi o punti validi per la classifica in palio. Si tratta di verificare se le regole del torneo sono chiare per tutti e, soprattutto, di scoprire insieme quale sarà il premio finale della gara. Sì, perché l'oggetto misterioso che dovrete identificare sarà proprio l'orologio in palio per chi sarà primo in classifica al termine delle 15 giornate, nel mese di maggio prossimo! Vedrete due foto, una dell'orologio e l'altra del movimento, entrambe con i nomi cancellati, e dovrete indovinare la marca e il modello. Nel frattempo, ecco un dettaglio dell'oggetto in anteprima.

P.S.: Nella pagina del regolamento trovate anche il calendario provvisorio del torneo. 

 
ENGLISH 
This post is about the first test ahead of the Watch Is It contest (see my Facebook page). Are you interested? Please follow this link for the tournament's rules and do not hesitate to take part in the test, that will be online next Sunday (10 September) at 14:00 Central European Time. You will be required to guess the brand's and model's name of the very same watch that will be up for grabs for the contest final winner! This photo features a detail of the watch.

30.8.17

Vintage ad - Cartier

ENGLISH
Launched in 1978, the self-winding Santos went on to become one of the best-selling Cartier timepieces of the next fifteen years, as well as an iconic instance of the affordable luxury concept introduced by the brand's new ownership.
Do you like vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking.
Click here to display and download a 20-page preview of Volume 1.
Please note that the vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO
"Se vuoi indossare l'orologio portato dai VIP fin dal 1904, indossa un Cartier". Lanciato nel 1978, il Santos automatico diventò uno degli orologi Cartier più venduti dei quindici anni seguenti e un esempio emblematico del concetto di lusso accessibile lanciato dalla nuova proprietà del marchio.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento. 
Clicca qui per visualizzare e scaricare un'anteprima di 20 pagine del Volume 1. 
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.

 

29.8.17

Il meglio del mese

Uno sguardo alternativo sulla cronaca di agosto

4.8.2017
ONG
Il rifiuto opposto da alcune Ong alla presenza di poliziotti sulle navi che incrociano nel Mediterraneo sembra giustificato. Perché dovrebbero trasportare passeggeri che non pagano il biglietto?

17.8.2017
ESTREMI RIMEDI
Eppure sarebbe così semplice risolvere la crisi del Pacifico. Basterebbe che: 1. La Cina invadesse la Corea del Nord e sottoponesse Kim a Trattamento Sanitario Obbligatorio. 2. La Regina Elisabetta revocasse l'indipendenza degli Stati Uniti con la motivazione che il Paese si è rivelato incapace di darsi una leadership adeguata.

23.8.2017
SONDAGGI
Fanno discutere le prime indiscrezioni sul risultato di un sondaggio condotto fra i cittadini americani. Alla richiesta di un'opinione sulle statue dei secessionisti, il 60% degli intervistati avrebbe risposto: "Non mi frega nulla delle statue. L'importante è che questa Guerra di Secessione finisca presto, così i nostri ragazzi potranno lasciare il Vietnam".

28.8.2017
AGGRESSIONE
Oscuro episodio di violenza a Las Vegas: un idraulico irlandese di nome Conor McGregor ha subito una brutale aggressione. Grazie alle telecamere di sorveglianza, l'autore è stato rapidamente identificato: si tratta dell'ex pugile americano Floyd Mayweather. Fermato e interrogato, quest'ultimo rifiuta di collaborare con gli inquirenti. "Sapete cosa vuole farci credere?", si è lasciato sfuggire in conferenza stampa il Capo della Polizia del Nevada; "Che gli hanno dato 100 milioni di dollari per picchiare quel poveraccio". 

29.8.2017
MAKE UP
Chi ironizza sui cosmetici di Macron è in malafede. Basta dare un'occhiata ai sondaggi sulla sua popolarità per rendersi conto che i fondi stanziati per il fondotinta sono del tutto insufficienti.

31.8.2017
PROFUGHI
Di che si lamenta l'Italia? Anche la Germania, l'Olanda, la Francia e il Regno Unito si danno da fare per aiutare i profughi. Ogni anno accolgono tremila studenti e ricercatori italiani in fuga dalle università della Penisola, li valorizzano e poi se li tengono. Così non c'è bisogno di mandare le guide alpine a soccorrerli mentre provano a valicare il Monte Bianco o le Dolomiti per tornare.



21.8.17

Swatch Sistem51 - Risultato finale

È terminata la "prova su strada" dei due Swatch Irony Sistem 51. Risultato: il Dark ha un anticipo di 20 secondi rispetto al rilevamento iniziale, l'Arrow un ritardo di 9 secondi. A prima vista si direbbe che ha "vinto" quest'ultimo, ma non è così. Il Dark (a sinistra nella foto) si fa preferire per la regolarità di marcia perché il suo scarto è stato di 7 secondi il primo giorno, 6 il secondo e di nuovo 7 il terzo. L'Arrow ha avuto prestazioni più irregolari: +1" il primo giorno, -5" il secondo e di nuovo -5" il terzo.


Se si tiene presente che, come detto in precedenza, la regolazione - ovvero la fase più delicata nella fabbricazione di un orologio - è automatizzata, si può parlare di risultati in linea con le ambizioni dichiarate dalla Casa quando presentò questo movimento. Si tratta veramente di un calibro rivoluzionario? Una risposta oggettiva dovrebbe arrivare dall'ufficio brevetti: se accoglierà le 17 domande pendenti, se ne potrà dedurre che è così.
L'ampio uso della plastica e delle saldature al posto delle viti fa storcere il naso ai puristi dell'orologeria classica, così come l'impossibilità di riparare l'orologio in caso di guasto. Pareri legittimi, ma Swatch non ha quasi mai proposto prodotti convenzionali, facendo un'eccezione solo per gli automatici ETA. Secondo me il giudizio deve basarsi solo sul rapporto qualità/prezzo. Le prestazioni sono da "quasi cronometro". Il costo di 195 Euro mi sembra accettabile, anche se si potrebbe fare meglio (ovviamente la Casa cerca di recuperare al più presto le spese di Ricerca e Sviluppo).
Un cenno, per finire, sulla portabilità. Per i miei gusti (e il mio polso) l'orologio è un po' massiccio, però relativamente leggero e confortevole quando si indossa.


19.8.17

Swatch Sistem51 - Rapporto intermedio

Rapporto intermedio dopo 24 ore di osservazione di due Swatch Irony Sistem51 (vedi post precedente) indossati dalle 7:40 alle 23:00 di ieri, con cambio polso (dal destro al sinistro e viceversa) a metà giornata.


Il Dark (a sinistra nella foto) accusa un anticipo di 7 secondi, l'Arrow di 1 secondo. Il calcolo tiene conto dello scarto iniziale segnalato ieri. Da questo primo rilievo si possono trarre un paio di osservazioni.
1. Le prestazioni dell'Arrow rientrano senza difficoltà nei parametri fissati dal COSC per il rilascio del certificato di precisione (-4"/+6" di scarto giornaliero), mentre il Dark ha un secondo d'anticipo di troppo. Va ricordato che i test del COSC si svolgono in laboratorio, mentre la mia è una prova "su strada".
2. La regolazione del Sistem51, benché interamente automatizzata come l'assemblaggio, non garantisce gli stessi risultati in esemplari diversi. Circostanza messa in rilievo anche dall'orologiaio ginevrino Denis Asch nell'esame del Sistem51 che trovate in questo articolo pubblicato da Europa Star nel 2014. Secondo Asch, ex dipendente Rolex, si tratta di una piccola-grande rivincita dell'uomo sulla macchina: quest'ultima non possiede la destrezza, l'esperienza, lo spirito d'osservazione di un tecnico in carne e ossa. Detto questo, ha ricordato che Swatch punta a conseguire un buon rapporto qualità/prezzo, non le vittorie nei concorsi di cronometria.

Lunedì 21 posterò il rapporto finale.

 

18.8.17

Swatch Sistem51 - Prova su strada

Alle 7:40 di oggi ho avviato un test sullo Swatch Sistem51, incuriosito dalle divergenze di opinioni che si incontrano sul web. Si va dall'esaltazione sfrenata alle stroncature senza appello. Poiché nel 90% dei casi non mi fido delle informazioni trovate in rete, in particolare di quelle diffuse nascondendosi dietro pseudonimi, ho pensato di fare da solo.
La procedura è puramente empirica. Niente cronocomparatore: non ce l'ho e non ne ho bisogno perché mi interessa la prova "sul campo", cioè al polso. Per renderla più attendibile mi servirò di DUE orologi, acquistati entrambi la settimana scorsa. In questo modo potrò confrontarli tra di loro, oltre che con il radiocontrollato al centro della foto. Porterò entrambi gli orologi per tre giorni, cambiando polso (dal destro al sinistro e viceversa) una volta al giorno. Poi li lascerò fermi fino a quando si fermano, in modo da verificare l'autonomia.


La prova ha il solo scopo di verificare se l'orologio ha un rapporto soddisfacente tra prestazioni e costo. Mi asterrò dai commenti sulla tecnica costruttiva perché non ho le competenze necessarie.
La regolazione iniziale delle lancette si è rivelata complessa, in particolare quella dei minuti, che sembra partire con qualche ritardo. Con un po' di pazienza sono riuscito a sistemarle più o meno nello stesso punto. Le lancette di riferimento rimangono comunque quelle dei secondi, e qui ho ottenuto un risultato migliore perché sono riuscito a fermarle facendole arretrare. Il test del Dark (a destra nella foto) è partito con un ritardo di 1 secondo rispetto all'orologio di riferimento, quello dell'Arrow con un anticipo di 2 secondi.
A presto per il commento sui risultati!

15.8.17

A watchmaking concept store

An interesting find in Geneva city centre. The Maison de l'Horlogerie (House of Watchmaking) is not just a modern and vintage watch store - it is also a bookshop, a library, an exhibition space and a meeting point for watch enthusiasts. The current exhibition features Eberhard timepieces of the past and present.

Una scoperta interessante nel cuore di Ginevra. La Maison de l'Horlogerie (Casa dell'Orologeria) non è solo un negozio di orologi moderni e vintage: è anche una libreria, una piccola biblioteca, uno spazio espositivo e un punto d'incontro per gli appassionati. La mostra in corso presenta orologi Eberhard del passato e del presente.

28.7.17

Antiurto per orologi: breve storia

La presentazione di ieri presso un Club di appassionati di orologi.
Yesterday's talk (in Italian) at a Club of watch lovers.

25.7.17

The passing of a hero - Morte di un eroe

ENGLISH
Fred Milward sadly passed away. A Private of "A" Company, he was one of the paratroopers who took part in the assault on the Merville Gun Battery by the 9th Parachute Battalion on D-Day, and subsequently held the strategically vital position of Bois-des-Monts against the enemy's fierce attacks. His photo is taken by Neil Barber's book The Day The Devils Dropped In, and so is the following quote: "Never let it be said we were not scared. I was, and like many more of us, when we carried our boys down to bury them near the Bois-des-Monts, I wondered where my grave would be. But I was spared, and now every year, with others who made it, I go back to Normandy and honour our dead".


ITALIANO
Fred Milward non è più tra noi. Soldato semplice della Compagnia "A", fu uno dei Paracadutisti che parteciparono all'assalto sferrato dal 9. Battaglione alla Batteria di Merville il 6 giugno 1944, e in seguito difesero una posizione di vitale importanza strategica presso il Bois-des-Monts, contro i massicci attacchi del nemico. La sua foto è tratta dal libro The Day The Devils Dropped In di Neil Barber, come pure la seguente citazione: "Non si dica che non avevamo paura. Io l'avevo e, come tanti altri, quando trasportavamo i corpi dei nostri compagni per la sepoltura al Bois-de-Monts, mi chiedevo dove avrebbero sistemato la mia tomba. Ma mi sono salvato e ora, con gli altri che ce l'hanno fatta, torno in Normandia tutti gli anni per rendere omaggio ai nostri caduti".


17.7.17

Watch is it?

COMING SOON
The competition for watch lovers
ENGLISH
Do you know vintage watches? Do you think you are an expert? My Facebook page about timepieces gives you a thrilling chance to prove it. Next October will see the start of a 15-stage competition for watch lovers that will end May 2018. No registration fee is needed. The only requirements I ask for are a passion for watches and your like for the above-mentioned page!
Read more ...


PROSSIMAMENTE
La gara per gli appassionati di orologi
ITALIANO
Conosci gli orologi d'epoca? Pensi di essere un esperto? La mia pagina Facebook sugli orologi ti offre un'occasione divertente per dimostrarlo. In ottobre partirà un campionato in 15 tappe per gli appassionati di orologi che si concluderà nel maggio del 2018. Non è prevista alcuna quota d'iscrizione. Ti chedo solo la passione per i segnatempo e un like per la pagina di cui sopra.
Continua a leggere...

15.7.17

Attualità - Se non costa niente non vale niente

"Ricordi: se non costa niente non vale niente". Il dibattito sui biglietti d'ingresso per visitare Venezia mi ricorda il monito che ho ricevuto qualche anno fa. Si discuteva del mio intervento in occasione delle "Giornate della Metropoli Orologiera" a La Chaux-de-Fonds. La manifestazione aveva lo scopo di diffondere la cultura dell'orologeria nel cuore dell'industria stessa e, naturalmente, di attirare turisti. Avevo proposto agli organizzatori una conferenza sulla storia dell'orologio da polso. Senza chiedere compensi perché valutavo che l'iniziativa sarebbe stata una promozione efficace per la mia attività editoriale. L'offerta fu accettata, ma ci fu un piccolo problema quando ci trovammo intorno a un tavolo per definire i dettagli. La responsabile commerciale della manifestazione, dirigente di una Casa d'orologeria prima di creare la propria agenzia di marketing, proponeva di far pagare un biglietto a chi voleva assistere. Io ero contrario perché mi sembrava che un contributo gratuito sarebbe stato più in carattere con gli intenti divulgativi dell'evento. Fu nel corso della conversazione che la signora pronunciò la frase con cui ho aperto il post. La spuntai io, ma quando vidi la sala piena a metà mi chiesi chi aveva ragione. La mia interlocutrice non aveva dubbi: "Se avessimo fatto pagare, non ci sarebbe stato un posto libero", commentò. Perché? Semplice, in base alla sua esperienza: se si paga per qualcosa, significa che questo qualcosa ha un valore. Nessuno dà niente per niente.


Che c'entra con Venezia? La città non ha bisogno di far pagare per dimostrare che vale qualcosa. Però credo che un biglietto d'ingresso avrebbe un valore simbolico, oltre a quello economico. Se fossero costretti a pagare e a prenotare con largo anticipo, magari modificando i piani delle vacanze per trovare un giorno libero, i turisti avrebbero la sensazione di assicurarsi un privilegio raro: visitare la città più bella del mondo nelle condizioni migliori, insieme a viaggiatori altrettanto motivati e consapevoli del valore di ciò che vedono. Il contrario delle orde che imbrattano e soffocano la città adesso: un panino, un selfie sul Canal Grande e via, esperienza usa e getta senza valore né ricordi. A chi osserva che la quota d'ingresso sarebbe penalizzante per chi non può permettersela, obietterei che il 90% dei turisti attuali, con ogni probabilità, pagano senza fiatare quando gli chiedono 50 euro per quattro ore in discoteca o in un parco acquatico. Ma l'obiezione più importante rimane la stessa: se non costa niente non vale niente…

Vuoi leggere altri commenti su temi d'attualità? Vai a questa pagina.

8.7.17

Vintage Ad - Patek Philippe

ENGLISH
"125 years of excellence": this 1964 ad features a lady's and two men's timepieces, among which the first Patek Philippe Automatic with date (ref. 3445, 1961). The names and addresses of two Parisian agents of the brand are also featured.
Interested in vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking.
Click here to display and download a 20-page preview del Volume 1 and here for the preview of Volume 2.
Please note that the vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO
"125 anni d'eccellenza" - Questo annuncio del 1964 presenta un orologio per signora e due per uomo, tra i quali il primo Patek Philippe automatico con datario (ref. 3445, 1961). Sulla pagina appaiono anche i nomi e gli indirizzi di due concessionari parigini della marca.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento. 
Clicca qui per visualizzare e scaricare un'anteprima di 20 pagine del Volume 1 e qui per il Volume 2.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


22.6.17

The Watch and the Poppy

The timepiece that inspired Wingwatch and a tribute to the fallen
 
 
Il segnatempo che ha ispirato L'orologio con le ali con un omaggio ai caduti
 
 

15.6.17

New releases - Corum and Oris

Two more timepieces launched at Baselworld 2017.
Altri due modelli presentati a Baselworld 2017

Corum - Golden Bridge Rectangle
ENGLISH
The new rectangular look of the classic Golden Bridge was created by designer Dino Modolo. 18-karat gold structures representing six Roman numerals surround the visible caliber. Following the design codes of Art Deco, the Golden Bridge Rectangle leads the eye along the path of Caliber CO113’s energy transfer from spring barrel at 6 o’clock to the escapement at 12 o’clock. Unlike its role model from 1980, thanks to modern technology this version is water-resistant to 30 meters/3 atmospheres.


ITALIANO
La nuova versione rettangolare del classico Golden Bridge è opera del designer Dino Modolo. Strutture in oro 18 carati che rappresentano sei numeri romani circondano il calibro visibile. Nel rispetto dei codici stilistici dell’Art Déco, il Golden Bridge Rectangle richiama l'attenzione sul Calibro CO113 e sul trasferimento dal bariletto a ore 6 allo scappamento a ore 12. Al contrario del suo antecedente del 1980, questa edizione è dotata di una tecnologia che la rende impermeabile fino a 30 metri/3 atmosfere.

Oris - Chronoris 
ENGLISH
Almost 50 years on from its introduction, the Oris Chronoris returns, For the 2017 model, the company’s designers, engineers and watchmakers have reinterpreted the early 1970s models. Leading the line is the new Chronoris Date, a 39mm stainless steel piece that takes its cues directly from the 1970s. In place therefore are the streamlined case, the orange hour markers and central seconds hand, and the multi-tone look of the dial’s design. The standout feature is the inner rotating bezel’s timer function. Operated by a separate crown at 4 o’clock, it allows the wearer to time seconds, minutes or hours, depending on which hand the orange triangle is aligned to zero with. The Chronoris Date comes on a brown or black leather strap, or on a black rubber strap, or a grey NATO textile strap. For the stainless steel bracelet option, Oris’s designers returned again to an original design, an articulated bracelet with 15 links across.
ITALIANO  
A quasi 50 anni dalla sua prima uscita, il Oris Chronoris fa il suo ritorno. Per il modello del 2017, i designer, gli ingegneri e gli artigiani dell’azienda hanno reinterpretato gli esemplari dei primi anni Settanta. Le serie viene inaugurata dal nuovo Chronoris Date, segnatempo interamente in acciaio inossidabile con cassa da 39 mm che prende spunto direttamente dagli anni Settanta. La sua peculiarità è la funzione timer presente nella lunetta interna girevole. Grazie a una seconda corona posta a ore 4, chi indossa l’orologio può regolare secondi, minuti e ore in relazione a quale lancetta sia allineata allo zero posto sotto il triangolo arancione sul quadrante. Il Chronoris Date è proposto con cinturino in pelle marrone o nero, oppure in caucciù nero o in tessuto grigio NATO. Per  produrre la versione con bracciale opzionale in acciaio inossidabile, i designer di Oris hanno attinto ancora al design originale, realizzando un bracciale articolato dotato di 15 maglie combinate.

 

8.6.17

Regali da podio

Più belli, più importanti, più inattesi, più graditi. Ho messo su un podio i tre regali "più" che ho ricevuto. Gli oggetti in questione hanno qualcosa in comune: sono tuttora in mio possesso, mi ricordano persone e/o eventi, hanno un certo interesse storico. Tutto il resto li allontana: tipologia, epoca di fabbricazione e di entrata in possesso, provenienza, identità e nazionalità del donatore, circostanze della donazione... Continua a leggere


  

5.6.17

Vintage Ad - Rolex

ENGLISH
"The Prince of watches" - This 1936 ad features a Prince watch and a claim that makes the best of the model's name. Launched in 1928, the Prince featured an innovative and patented movement by Aegler, as well as a double dial that gave the watch its unmistakable look.
Interested in vintage watch ads? Please visit the page about Watch Ads, my two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking.
Click here to display and download a 20-page preview.
Please note that the vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.


ITALIANO
"Il Principe degli orologi" - Questa inserzione del 1936 presenta un orologio Prince e uno slogan che sfrutta il nome del modello. Lanciato nel 1928, il Prince si distingueva per il movimento innovativo e brevettato di produzione Aegler, e per il doppio quadrante che gli conferiva lo stile l'inconfondibile.
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento.
Clicca qui per visualizzare e scaricare un'anteprima di 20 pagine.
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads.


 

1.6.17

Corriere della Sera

ENGLISH - I gave an interview to Italy's top newspaper about Watch Ads, my two volume history of communication and design in 20th Century watchmaking.


ITALIANO - Oggi il primo quotidiano italiano pubblica la mia intervista su Watch Ads, storia in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento.