venerdì 14 gennaio 2022

Watches & Cars - Elvis's toys

ENGLISH (il testo italiano è sotto l'immagine) 
Elvis Presley drove a Pink Cadillac and wore a Hamilton Electric. His car was a 1955 hardtop Fleetwood now on display in the Graceland Museum (Memphis, Tennessee), while this diecast model is a 1959 convertible Eldorado Biarritz. The King of rock'n'roll owned a 14kt gold Ventura identical to this one and wore it in his movie "Blue Hawaii" (1961).


ITALIANO
Elvis Presley guidava una Cadillac rosa e indossava un Hamilton Electric. La sua auto era una Fleetwood del 1955 con tettuccio rigido, attualmente in mostra presso il museo Graceland di Memphis (Tennessee), mentre questo modellino è una Eldorado Biarritz decappottabile del 1959. Il suo orologio era un Ventura d'oro 14ct identico a questo, che indossò anche nel film "Blue Hawaii" (1961). In Orologi da polso 1900-1959 trovi la storia e la descrizione degli Hamilton Electric (pagine 376-377).

 

domenica 9 gennaio 2022

Vintage ad - Girard-Perregaux

ENGLISH (il testo italiano è sotto l'immagine)
"A record - 662 Observatory certificates put Girard-Perregaux at the forefront of the international masters of chronometry". This ad dating back to 1967 celebrates the results achieved by the manufacturer in the demanding tests set up by the Neuchâtel Observatory. 662 Girard-Perregaux standard production Chronometers HF were issued the institution's accuracy certificates - an unprecedented deed. They all featured the Clinergic 21 escapement, whose frequency of 36,000 vibrations per hour was the world's highest at the time.
Interested in vintage watch ads? Please visit the page about my recent release - Watch Ads 1900-2000, a two-volume pictorial history of communication and design in 20th Century watchmaking.
Click here to display and download the 20-page preview.
Please note that the vintage ads presented in this Blog are not featured in the Watch Ads books.
 

ITALIANO
"Un record: 662 certificati d'Osservatorio elevano Girard-Perregaux al vertice dei maestri internazionali della cronometria". Questo annuncio del 1967 celebra i risultati conseguiti dalla Casa negli impegnativi test organizzati presso l'Osservatorio di Neuchâtel. 662 Chronometers HF Girard-Perregaux di produzione standard guadagnarono il certificato di precisione della prestigiosa istituzione, un exploit senza precedenti. Tutti erano dotati di movimento con scappamento Clinergic 21, la cui frequenza di 36.000alternanze/ora era allora la più alta del mondo. 
Ti piacciono le pubblicità d'epoca? Visita la pagina su Watch Ads 1900-2000, la mia storia illustrata in due volumi della comunicazione e del design nell'orologeria del Novecento.  
Clicca qui per visualizzare e scaricare un'anteprima di 20 pagine.  
Gli annunci pubblicitari d'epoca presentati in questo Blog non sono inseriti nei volumi Watch Ads. 


 

martedì 4 gennaio 2022

Vintage library - L'Horlogerie Une Tradition Helvétique (1948)


ENGLISH (il testo italiano è in fondo alla pagina)
Published in 1948 under the direction of the renowned historian Alfred Chapuis, the 350-page book "Watchmaking" is a celebration of this typically Swiss industry. After a brief history of time measurement devices since the 14th Century – the era of bell tower clocks – each one of the following chapters deals with a different type of timekeeper and craft: desk clocks and marine chronometers, pocket watches and dashboard clocks, enamel painting and engraving, adjustment and lubrication, research and development.


The wristwatch is given the space it deserves as the most popular and profitable product of the national industry. The very first timepieces to be worn on the wrist, made in the early 19th Century, are the objects of the drawings found in these pages.
A series of illustrations shows the evolution of the wristwatch in the first half of the 20thCentury. Above: wristwatches dating back to the 1915-1925 period

Eleven examples of the 1925-1935 production.

A few familiar faces among the timepieces of the 1935-1945 period.

Desk clocks were still much in fashion in the late 1940s.

ITALIANO
Pubblicato nel 1948 sotto la supervisione del prestigioso storico Alfred Chapuis, il libro "L'Orologeria" (350 pagine) è una celebrazione di quest’industria tipicamente svizzera.
Dopo una breve storia della misura del tempo dal 14esimo secolo – l’era degli orologi da campanile – ciascuno dei capitoli seguenti è dedicato a un tipo diverso di segnatempo e di mestiere: orologi da tavolo e cronometri di bordo, orologi da tasca e da cruscotto, pittura su smalto e incisione, regolazione e lubrificazione, ricerca e sviluppo.
L’orologio da polso ha il rilievo che merita come prodotto più popolare e redditizio dell’industria nazionale. I disegni che troviamo nelle pagine riprodotte in alto mostrano i primi segnatempo da indossare al polso, creati all’inizio del 19esimo secolo.
Una serie di illustrazioni descrive l’evoluzione dell’orologio da polso nella prima metà del 20esimo secolo. Dall’alto: esemplari del periodo 1915-1925, 1925-1935 e 1935-1945 (con alcuni modelli di aspetto familiare…).
Gli orologi da tavolo erano molto apprezzati anche alla fine degli Anni 40: la tavola a colori ne mostra due.